venerdì 14 Giugno 2024
HomeAttualitàSistema Amalfi, nuova veste per la società in house del Comune

Sistema Amalfi, nuova veste per la società in house del Comune

Restyling societario, con nuovi servizi affidati, al quale si abbina ora una nuova identità visiva.

La società in house del Comune “Amalfi Mobilità” cambia denominazione e diventa “Sistema Amalfi”, per effetto del conferimento da parte del Comune di nuove e importanti competenze come quelle legate alla promozione della Città, cui afferiscono la D.M.O. (Destination Management Organization) e l’info point turistico all’interno dell’Antico Arsenale. E con il cambio della denominazione societaria, debutta ora una nuova e moderna identità visiva.

L’ampliamento dei servizi, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale di Amalfi, guidata dal Sindaco Daniele Milano, ha comportato una rimodulazione dell’assetto giuridico della società in house che – oltre alle aree di parcheggio, agli ascensori comunali, ai servizi di carico e scarico e di mobilità su gomma, compresa quella degli scuolabus, e di controllo della Ztl interna, nonché dei bagni pubblici – si occuperà anche dell’importante segmento destinato all’accoglienza e alla programmazione delle politiche turistiche. Tutto questo in virtù degli ottimi risultati conseguiti nello svolgimento della gestione degli attuali servizi in affidamento.

«La società in house del Comune di Amalfi è un fiore all’occhiello per la Città: grazie ad essa negli anni sono cresciuti i risultati sociali ed economici. Per questo motivo – dichiara il Sindaco Daniele Milano – l’Amministrazione Comunale ha inteso confermare a Sistema Amalfi la gestione dei servizi già oggi erogati e prevedere l’affidamento anche di nuove attività, estendendo il perimetro di azione della stessa anche ad altri settori. La nuova identità visiva, infine, risponde alla volontà di proiettare l’immagine della società nel futuro, avendo nel cuore la mission di sempre: far crescere i servizi in favore di cittadini ed imprese».

Nel nuovo brand sono racchiusi elementi fortemente identitari: gli archi capovolti rimandano alle onde del mare e alla chiglia di un’antica imbarcazione. La prua rivolta all’orizzonte è un omaggio alla tradizione storica, culturale ed imprenditoriale della Città

«Sistema Amalfi, così come deciso dall’Amministrazione Comunale, amplierà il perimetro di servizi sin qui gestiti continuando a favorire quelle virtuose sinergie operative che ne garantiscono la gestione. – spiega Antonio Vuolo, Amministratore Unico di Sistema Amalfi – In particolare quelle derivanti da un utilizzo ottimizzato delle risorse a cui vanno ad aggiungersi i servizi di promozione turistica e culturale la cui fase di progettazione e di studio si è conclusa recentemente. Tutto questo in un’ottica di riorganizzazione e programmazione che avverrà tenendo conto della forte stagionalità dei flussi turistici che nei periodi di alta stagione vedono anche la presenza di un volume di visitatori tra le 150 e le 200 mila unità. L’intento è di fornire un sempre maggiore livello di presidio e assistenza da assicurare agli utenti fruitori».

Almeno l’ottanta percento del fatturato di Sistema Amalfi dovrà essere effettuato nello svolgimento dei compiti ad essa affidati dal Comune di Amalfi: l’attività ulteriore rispetto al suddetto limite di fatturato potrà essere svolta a condizione che la stessa permetta di conseguire economie di scala o altri recuperi di efficienza sul complesso dell’attività principale. (Ufficio Stampa Comune di Amalfi: Mario Amodio/Barbara Landi)

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche