sabato 1 Ottobre 2022
HomeCronacaStrage di Scisciano: il boss Mario Fabbrocino assolto in Appello

Strage di Scisciano: il boss Mario Fabbrocino assolto in Appello

SCISCIANO. Ribaltata, ieri, la sentenza di primo grado che aveva visto il boss Mario Fabbrocino (‘o gravunaro) condannato all’ergastolo per essere stato tra i mandanti del triplice omicidio avvenuto il 21 novembre del 1991 a Scisciano nell’ambito della faida tra i clan Cava e i Graziano di Quindici (Avellino).

Ieri mattina, i giudici della seconda Corte d’Assise d’Appello di Napoli hanno accolto la tesi difensiva (portata avanti dagli avvocati Giuseppe Annunziata e Luigi De Vita) che hanno sostenuto l’assoluta estraneità del boss vesuviano al gravissimo episodio del 91. I legali sono riusciti a dimostrare che le accuse di importanti collaboratori di giustizia, come Fiore D’Avino, Pasquale Galasso, Carmine Alfieri e lo stesso Felice Graziano fossero inattendibili perchè tutti avevano interesse a scaricare le responsabilità su Mario Fabbrocino in virtù di una sorta di alleanza – mai provata – con Biagio Cava, l’altro boss sul quale si erano appuntate le accuse dei pentiti. Molti dei collaboratori di giustizia che avevano sostenuto la partecipazione degli uomini di Fabbrocino alla strage, in appoggio ai Cava, avevano appreso queste notizie da Fiore D’Avino, una volta a capo dell’omonima cosca camorristica di Somma Vesuviana poi collaboratore di giustizia. Ma nel corso degli anni – ha sostenuto la difesa – nonostante tra i Cava e i Graziano vi fosse stata una faida feroce con più di 50 episodi gravissimi, non è mai emersa in alcuna indagine la figura di Mario Fabbrocino ‘o gravunaro. Non vi sono prove che dopo la strage Fabbrocino avesse avuto ritorsioni camorristiche o vendette per il triplice omicidio di Scisciano.
La tesi della difesa ha convinto i giudici che hanno emesso una sentenza di assoluzione “per non aver commesso il fatto”. Nel 2012, dopo l’arresto e l’estradizione in Italia, il boss del vesuviano era stato condannato con rito abbreviato dal Gup del Tribunale di Napoli al carcere a vita. Nel frattempo, le attenzioni della magistratura e dei collaboratori di giustizia si erano appuntate anche su Biagio Cava al quale – ad ottobre del 2013 – furono notificati gli stessi atti d’indagine. Per la Dda lui fu il mandante di quella strage e non altri.

LA STRAGE DI SCISCIANO

La mattanza voluta dai Cava avvenne a Scisciano il 21 novembre 1991. Quel giorno una pioggia di proiettili kalashnikov uccisero in un’officina, nella frazione di Spartimento, Eugenio Graziano (trentenne che per nove giorni era stato sindaco di Quindici), il cugino Vincenzo di 22 anni, il loro guardaspalle Gaetano Santaniello, di 21.
Eugenio era diventato primo cittadino dopo che lo zio Raffaele era stato destituito su decisione del presidente della Repubblica Sandro Pertini per “gravi motivi di ordine pubblico”, accadde lo stesso poi per il giovane rampollo del clan. Vinse le elezioni dell’ 84, riportando 720 dei 723 voti assegnati alla lista civica Torre, appena 9 giorni dopo fu destituito e finì in carcere per omicidio e associazione camorristica. Su di lui la violenza dei killer si abbatté con particolare ferocia. Fu inseguito dal commando fuori dall’officina, colpito a morte e poi il suo volto reso irriconoscibile dalle raffiche di 7.62, come quattro anni dopo accadrà al padre di Biagio Cava.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti