giovedì 30 Maggio 2024
HomeComunicati stampaTrattamento terapeutico della fibrillazione atriale: all’ospedale di Nola arriva la nuova tecnica...

Trattamento terapeutico della fibrillazione atriale: all’ospedale di Nola arriva la nuova tecnica ad energia pulsata

L’ospedale di Nola, con il reparto di cardiologia diretto dal dottor Luigi Caliendo, è una delle prime strutture ospedaliere pubbliche del Sud Italia ad utilizzare il nuovissimo sistema ad energia pulsata (Farapulse) per il trattamento terapeutico della fibrillazione atriale.

Si tratta di una tecnologia che consente di eseguire l’isolamento delle vene polmonari, come richiesto dalle attuali linee guida, attraverso un’unica applicazione (single shot).
Permette la riduzione dei tempi procedurali e grazie alla fonte di energia di tipo pulsata elimina le potenziali complicanze.

“Con questa scelta – spiega il direttore generale dell’asl Napoli 3 Sud Giuseppe Russo – la nostra azienda evidenzia il proprio orientamento verso le nuove tecnologie che consentono formidabili salti di qualità nell’erogazione di servizi sanitari efficaci e sicuri per i pazienti”.
“Inoltre – aggiunge il dottor Mario Volpicelli dell’equipe cardiologica/elettrofisiologia di Nola – gli studi clinici sul nuovo sistema ne evidenziano la funzionalità, sicurezza e maneggevolezza per i clinici, l’efficacia e sicurezza per i pazienti. Si aggiunga che la durata della procedura risulta notevolmente ridotta, così come sono ridotti i tempi di degenza dei pazienti, fattori che consentono anche significativi risparmi ed efficienza”.

Permette, sfruttando l’energia pulsata, di modificare in modo selettivo il substrato aritmico lasciando inalterate le altre strutture adiacenti. Questa forma d’onda così selettiva e precisa riduce in modo significato le potenziali complicanze procedurali come dimostrato da innumerevoli trial clinici e studi internazionali

La Fibrillazione Atriale è uno dei disordini più frequenti del ritmo cardiaco, colpisce in particolare gli anziani, con percentuali sul totale della popolazione che vanno dall’1,3% per pazienti sotto i 65 anni al 9-10% per quelli sopra i 76 anni, è responsabile del 20% degli ictus ischemici, può alterare e ridurre la quantità di sangue che ad ogni battito viene messa in circolo nel corpo.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche