giovedì 13 Giugno 2024
HomePoliticaUltimo Consiglio comunale, Caserta: "Lascio un bilancio risanato"

Ultimo Consiglio comunale, Caserta: “Lascio un bilancio risanato”

SANT’ANASTASIA. Il Consiglio ha approvato il bilancio L’Assessore Caserta: lascio un bilancio risanato

Una seduta di Consiglio Comunale, con pochi momenti di attrito, soprattutto serena e proiettata alle prossime elezioni amministrative, che vedranno in campo, per ora, quattro candidati a sindaco, ha approvato il bilancio di previsione 2019/2021.
Il Consiglio Comunale ha appreso dalla relazione a braccio dell’Ass. Mariano Caserta che i conti sono a posto, il bilancio salvaguarda i servizi essenziali e non lascia situazioni debitorie alla prossima Amministrazione.
L’Amministrazione Abete può dunque arrivare a fine mandato con operatività senza dover ricorrere alle spese frazionate in dodicesimi. Questo risultato consente una più agevole realizzazione degli ultimi adempimenti in programma, data la possibilità di provvedere agli impegni di spesa per intero.
Precedentemente il civico consesso ha approvato, per cessione volontaria ed a titolo gratuito degli abitanti, l’acquisizione al demanio comunale delle attuali strade private denominate: Via Canonico Marciano, Via Domenico Cimarosa e traversa Giovanni Paisiello, dichiarandone la pubblica utilità.
E’ stata poi la volta del DUP (Documento unico di programmazione), uno strumento necessario per permettere l’attività di guida dell’Ente, secondo due specifiche sezioni, strategica ed operativa, che consente di fronteggiare in modo permanente, sistemico e unitario le discontinuità ambientali e organizzative.
Con dichiarazioni di voto ed interventi dei consiglieri è stato approvato il bilancio del comune, Ente strutturalmente non deficitario o in dissesto che per questo ha potuto gestire al meglio tutti i servizi a domanda individuale.
In applicazione del principio generale della competenza finanziaria, le previsioni di entrata e di spesa iscritte in bilancio si riferiscono ad accertamenti e ad impegni che si prevede di assumere nell’anno di riferimento; l’ammontare delle somme che si prevede di imputare agli esercizi successivi è contenuto nel “Fondo Pluriennale Vincolato”.
Come allegati obbligatori, sono stati approvati lo schema triennale delle opere pubbliche e l’elenco annuale 2019, nonché il piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare comunale.
I consiglieri, sia di maggioranza che di opposizione, hanno discusso il merito e l’aspetto politico-amministrativo del documento contabile, non senza critiche, ma è prevalsa la consapevolezza di essere giunti a fine mandato elettorale e sono stati vari gli auguri reciproci per la prossima campagna elettorale, che è stata auspicata priva di toni accesi e fondata sui programmi a favore del bene comune.
Mariano Caserta ha sottolineato come la situazione economica, nei suoi anni di assessorato, è stata risanata e come si è profuso per “lasciare alla prossima amministrazione un bilancio sano, che ha tenuto conto delle opere e delle politiche sociali, per cui vado a testa alta per il lavoro svolto”.
In chiusura la consigliera Rosaria Fornaro, anche quale rappresentante dei suoi elettori, ha ringraziato tutti per l’apporto e per il contributo alla sua crescita politico-amministrativa, mentre Alfonso Di Fraia ha rimarcato come durante le celebrazioni del civico consesso ha potuto registrare il ritorno alla politica, ad un confronto sano su idee e progetti per il futuro. Il sindaco Lello Abete ha ringraziato i consiglieri di opposizione, in particolare Carmine Capuano, per la correttezza ed il sostegno col voto favorevole in alcune deliberazioni, garantendo così la maggioranza, nonché ha salutato con soddisfazione il suo quinquennio di primo cittadino, che si ricandida “invitando tutti, ivi compresi i suoi antagonisti, a svolgere una campagna elettorale serena e fondata sui programmi, così come personalmente farò, ovviamente dicendo quello che abbiamo realizzato in questi cinque anni di governo”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche