giovedì 13 Giugno 2024
HomeCronacaUna volpe fa strage di galline, la preoccupazione degli allevatori

Una volpe fa strage di galline, la preoccupazione degli allevatori

OTTAVIANO: Strage di galline: scatta la caccia alla volpe. E’ accaduto qualche giorno fa nella cittadina ottavianese dove due pollai sono stati sterminati da una volpe.


“Avevo quattro galline – racconta la signora Anna, residente in viale Risorgimento – e le avevo in un pollaio nel giardino, e l’altro ieri mattina le ho trovate morte, squarciate, non sono state mangiate ma solo morse”. Una scena agghiacciante agli occhi della signora che da buona contadina ci spiega che quei morsi sono di volpe “all’inizio credevo fosse stata una faina, che era anche molto più probabile come animale da trovare dalle nostre parti, ma la faina succhia solo il sangue delle galline non le squarta come è successo”. E lo stesso caso si è verificato in un pollaio in via Seggiari dove ben undici sono state le galline uccise. Una notizia che fa rabbrividire, ormai tali scene erano rinchiuse nei vecchi libri di favola, dove la scaltra volpe affascinata da quel recinto scattava contro la sua preda, ma ora tutto sembra prendere forma e in un territorio riconosciuto come Parco Nazionale del Vesuvio scatta la caccia alla volpe assassina. Un evento raro, quasi eccezionale ma che punta i riflettori sul come la volpe, ormai diventata una vip nella cittadina, possa con scaltrezza riuscire a nascondersi di giorno nel tram tram confusionario e la notte agire inosservata colpendo nel segno e recando danni ai poveri contadini, quei pochi che ad Ottaviano contiunuano a perseguire l’hobby dell’allevamento di galline. E c’è chi da buon conoscitore della natura commenta “ la volpe, nonostante viviamo in una cittadina – commenta la signora Anna – è attirata dal cibo e ormai per le strade ci sono cosi tanti rifiuti che nonostante siano in condizioni igieniche sanitarie pietose richiamano questo animale”.

Giovanna Salvati

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche