martedì 21 Maggio 2024
HomeAmbienteUniversità di Salerno e Comune di Amalfi insieme per la qualità dell’aria

Università di Salerno e Comune di Amalfi insieme per la qualità dell’aria

Gli studenti delle scuole diventano piccoli scienziati del Lab diffuso in Costa d’Amalfi per il monitoraggio del progetto di ricerca “Amalfi 4.0 Cityzen Science”, sviluppato con il Dipartimento di Chimica e Biologia dell’Università di Salerno

I bambini di Amalfi diventano piccoli scienziati ambientali del laboratorio diffuso per il monitoraggio ambientale su tutto il territorio comunale. Tra provette e applicazioni digitali saranno i protagonisti attivi del campionamento per la qualità dell’aria, attraverso il monitoraggio attivo e passivo degli inquinanti atmosferici. È partito oggi, infatti, il progetto di ricerca “Amalfi 4.0 CityZen Science”, sviluppato in sinergia tra il Dipartimento di Chimica e Biologia dell’Università di Salerno, diretto dal Professore Carmine Capacchione, e il Comune di Amalfi, guidato dal Sindaco Daniele Milano. Le classi prime e seconde delle medie dell’Istituto Comprensivo “G. Sasso” hanno incontrato al Salone Morelli i docenti dell’Università di Salerno: una vera lezione sui principali inquinanti atmosferici, a cui ha fatto seguito la consegna della provetta per campionare il biossido di azoto con relativo tutorial.

«Il focus è rendere le giovani generazioni responsabili – sottolinea il Professore Antonio Proto, docente di chimica ambientale Unisa e coordinatore del progetto – La locuzione Cityzen in campo scientifico si riferisce alla “scienza dei cittadini”. Attraverso l’aiuto dei ragazzi riusciamo ad installare tanti sistemi di campionamento. Coinvolgiamo le scuole, così i nostri ragazzi si responsabilizzano e allo stesso tempo riusciamo ad ottenere un monitoraggio puntuale, in aree anche al di fuori del centro storico e nelle frazioni alte per costruire una mappa ampia. Dopo la primavera, replicheremo anche ad ottobre».

Un’intera mattinata dedicata all’ambiente ad Amafi, in cui si sono mossi in contemporanea due eventi, il primo dedicato all’aria e il secondo alla pulizia dei fondali marini.

«Cielo e mare. L’ambiente è la nostra risorsa prioritaria, dobbiamo difenderla e preservarla. Voi dovete essere tanti piccoli vigili, controllare che nessuno butti cartacce per strada o abbandoni i rifiuti. Noi siamo tanto importanti per la nostra città e vi chiediamo di aiutarci a capire se la nostra aria è buona. Oggi vi proponiamo di essere cittadini responsabili. Siamo molto orgogliosi delle nostre scuole. In bocca al lupo a tutti», afferma Ilaria Cuomo, Assessore all’Ambiente di Amalfi, salutando le classi coinvolte in Amalfi 4.0 Cityzen Science.

In rappresentanza dell’università di Salerno, ad introdurre la più ampia progettualità City Science sono intervenute Oriana Motta, del Dipartimento di Medicina e Maria Ricchiardi del Dipartimento di Chimica e Biologia. Alla fase di apprendimento, seguirà la raccolta dati, con la distribuzione di 100 campionatori passivi ai ragazzi da esporre per tre settimane sulle finestre e balconi delle loro abitazioni. Sono state fornite le istruzioni per l’individuazione della posizione geografica del luogo dove posizionarli e, trascorse tre settimane i ragazzi chiuderanno i campionatori e li consegneranno per le analisi per la realizzazione di una mappa della zona con i valori di ossidi di azoto rilevati. I campionatori saranno dotati di un codice a barre esclusivo di identificazione e saranno collegati ad un’App digitale, utilizzabile dal cellulare, che garantirà la tracciabilità di ogni provetta.

«La nostra attività di ricerca consiste nel rintracciare e analizzare gli inquinanti ambientali – spiega la Professoressa Motta – I ragazzi sono determinanti per conoscere la qualità dell’aria, per poter magari poi intervenire. Il progetto nasce perché la città di Amalfi è particolarmente attenta a questa problematica e alla salvaguardia del suo ecosistema ambientale. Inoltre, la conformazione geografica e orografica particolare lascia immaginare che l’inquinamento da traffico veicolare sia solo lungo le strade principali. In realtà probabilmente non è così, perché la diffusione degli inquinanti ambientali li può trasportare anche verso le parti più interne. Conoscere la qualità dell’area del Comune è importante, perché l’amministrazione comunale può anche introdurre azioni di prevenzione. Amalfi, inoltre, è una città che è conosciuta nel mondo, quindi, potrebbe essere un valore aggiunto certificare la qualità dell’aria in termini di attrattività, insieme a quella del mare e delle acque. Oggi i ragazzi apriranno a casa le provette. Siamo molto entusiasti di questa collaborazione e della risposta dei ragazzi». (Ufficio Stampa Comune di Amalfi: Mario Amodio/Barbara Landi)

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche