martedì 27 Settembre 2022
HomeCultura e SpettacoliSant’Anastasia. Raffaele Urraro presenta la nuova raccolta di poesie

Sant’Anastasia. Raffaele Urraro presenta la nuova raccolta di poesie

SANT’ANASTASIA- “Ero il ragazzo scalzo nel cortile che giocava con la trottola e le sfide le perdeva sempre…”: sono i primi versi della poesia “Ero il ragazzo scalzo nel cortile” che dà il titolo al nuovo libro di Raffaele Urraro e sarà presentato domani, martedì 15 aprile alle ore 17.30, nel Centro Sociale Anziani di piazza IV Novembre.

Il libro ripercorre con versi incisivi e netti la storia della sua famiglia contadina, con le tribolazioni economiche che doveva affrontare quotidianamente, i sacrifici per lo studio e le indigenze di un periodo storico di ricostruzione nazionale, essendo da poco finita la guerra.
Raffaele Urraro è maestro nel descrivere situazioni storiche e familiari con un verso asciutto e scarno, essenziale, privo di qualsiasi forma di retorica.
Un libro a lungo meditato che raccoglie tutta la sua vita in versi: “Da molto tempo avevo l’intenzione di scrivere della mia infanzia, dell’adolescenza e dei primi anni di giovinezza – dichiara Raffaele Urraro nella premessa del libro – erano cose che sentivo sempre sulla punta della lingua e del cuore. Ma tentennavo. Non trovavo le parole per dire quelle cose. Ogni tentativo risultava inutile e velleitario. Perché per dire quelle cose c’era bisogno che le parole centrassero immediatamente il bersaglio. Quale bersaglio? Le cose. Mi era chiaro che parlare di certe cose era possibile soltanto se tra le parole e quelle cose non ci fosse eccessiva mediazione letteraria. Volevo, in altri termini, rendere proprio il sapore di quelle cose. Direttamente”.
A dare il benvenuto e ad introdurre brevemente il poeta e saggista professor Urraro, sarà Giuseppe Vetromile, responsabile del Circolo Letterario Anastasiano e addetto stampa dello Spi Cgil di Sant’Anastasia, organismo sindacale che ha fortemente voluto e organizzato questa presentazione, in linea con gli obiettivi di diffusione della cultura sul territorio che esso sempre pone in primo piano.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti