domenica 25 Luglio 2021
HomeCronacaViolenza domestica, terribile escalation di maltrattamenti in famiglia

Violenza domestica, terribile escalation di maltrattamenti in famiglia

NAPOLI E PROVINCIA. Non si placa l’azione di contrasto dei Carabinieri del comando provinciale di Napoli alla violenza di genere: 2 le persone arrestate, 9 le denunce raccolte.

I carabinieri della tenenza di Sant’Antimo hanno arrestato per maltrattamenti e lesioni personali un 65enne del posto già noto alle Forze dell’ordine. E’ stato bloccato dai militari mentre aggrediva la moglie con schiaffi e pugni. La vittima, in fase di separazione con il marito, ha richiesto l’intervento dei carabinieri e raccontato mesi di violenze e vessazioni. La donna,  che aveva già in passato presentato denuncia, è stata ritenuta guaribile in 5 giorni. A Santa Maria La Carità, i carabinieri della stazione di Sant’ Antonio Abate hanno eseguito un provvedimento cautelare emesso dal GIP del Tribunale di Torre Annunziata a carico di un 39enne del posto già noto alle Forze dell’ordine. L’uomo è ritenuto gravemente indiziato del delitto di maltrattamenti in famiglia, posti in essere ai danni della moglie. Durante un litigio ha danneggiato mobili ed elettrodomestici dell’abitazione in cui convivevano. Secondo quanto accertato eventi simili erano già accaduti. L’uomo è stato sottoposto ai domiciliari. Nei pressi della la stazione di Napoli Borgoloreto, una donna ha denunciato il marito raccontando decine di anni di violenze e vessazioni. La donna sarebbe stata minacciata dall’ uomo anche con un coltello alla gola. Una 52enne è stata invece denunciata dal marito presso la stazione di Arpino di Casoria. L’uomo ha raccontato i maltrattamenti posti in essere dalla moglie ai danni della figlia convivente. I carabinieri della compagnia di Ischia  hanno raccolto la denuncia di una donna, vittima insieme ai due figli maggiorenni di anni di maltrattamenti. Numerose le condotte violente, sia fisiche che psicologiche, che il marito avrebbe posto in essere nei confronti dei familiari. A denunciare atti persecutori e minacce presso la tenenza carabinieri di Caivano una 31enne del posto. Il compagno, non accettando la fine della loro relazione, avrebbe perseguitato la donna, indirizzando minacce e insulti anche via Whatsapp. Due le denunce presentate  da altrettante donne ai carabinieri di Casavatore. La prima, una 58enne di Arzano, sarebbe stata vittima di ripetuti maltrattamenti, posti in essere anche ai danni dei figli conviventi.
La seconda, invece, avrebbe sopportato per settimane le violenze dell’ex compagno mai rassegnatosi alla fine della loro relazione. Mesi di violenze denunciate anche ai carabinieri della stazione di Brusciano. Durante un’accesa lite, una 40enne del posto sarebbe stata picchiata e insultata dal marito. Le violenze sarebbero andate avanti per mesi. Ancora violenze a Pomigliano D’Arco. I carabinieri della stazione locale hanno raccolto la denuncia di una 51enne del posto, il figlio convivente, ha raccontato la vittima, l’avrebbe aggredita durante una discussione. Diverse le violenze subite nelle ultime settimane e mai denunciate.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti