lunedì 20 Settembre 2021
HomeCronacaViolenze sessuali e aggressioni, gli aguzzini sono: mariti, padri e figli

Violenze sessuali e aggressioni, gli aguzzini sono: mariti, padri e figli

NAPOLI E PROVINCIA. Violenza sulle donne, dal 30 giugno: 26 arresti, 8 persone denunciate e 41 querele.

Una situazione sempre più complessa e che preoccupa ogni giorno di più, la violenza sulle donne continua ed a vessarle all’interno delle mura domestiche non solo mariti ma anche padri e figli. In poco più di un mese ci sono stati ben 26 arresti e 8 denunce, quello che emerge dai dati del Comando Provinciale di Napoli dei carabinieri. Dal 30 giugno, tra Napoli e provincia, sono state ben 41 le querele di donne maltrattate, un bollettino di guerra terribile. Violenze sessuali, aggressioni fisiche, stalking, minacce e vessazioni di ogni genere, i crimini messi in atto ai danni delle vittime in queste settimane, gli episodi sono numerosissimi. Violenza sessuale continuata ed aggravata a Caivano dove un uomo è stato arrestato e portato in carcere. L’aguzzino, già ai domiciliari per lo stesso reato, dovrà scontare 7 anni e 10 mesi di reclusione. Altro episodio sconcertante nel quartiere Fuorigrotta a Napoli, dove un 37enne stalkerizzava una minorenne non ancora 17enne sui social con dei profili fake. L’uomo è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli. A Torre Annunziata, invece, i carabinieri hanno arrestato un 47enne per maltrattamenti e lesioni. Allertati dal 112 i militari sono riuciti a fermare l’uomo mentre aggrediva violentemente la figlia 24enne con calci e pugni. La giovane non ha mai avuto il coraggio di denunciare il padre, ora posto ai domiciliari presso un’altra abitazione. Altro terribile episodio nel Comune oplontino, a finire in carcere un 33enne del posto. Denunciati dalla moglie anni di: maltrattamenti, atti persecutori e violenza sessuale. La furia “animalesca” non ferma neanche i giovani, gli uomini dell’Arma di Sant’Antonio Abate hanno arrestato un 20enne stabiese che non ha accettato la fine della relazione con la sua ex fidanzatina coetanea e oltre a minacciarla sul web le ha incendiato anche il motorino. Il ragazzo è ai domiciliari. Due episodi a Portici dove gli aguzzini sono i figli delle povere vittime, uno di loro ha perfino minacciato di morte la madre con un coltello da cucina. Il giovane 26enne ora è in carcere in attesa di giudizio. Altro figlio violento a Castellammare di Stabia, il 19enne ha picchiato la madre per 115euro. La vittima è stata ritrovata, dai carabinieri, riversa a terra. Il ragazzo è stato portato al carcere di Poggioreale. Episodio simile nel quartiere Pianura a Napoli. Altro padre violento a Torre del Greco che ha picchiato selvaggiamente la compagna e la figlia 23enne. Le due donne sono state soccorse dal 118. L’uomo è stato arrestato. E ancora numerosi episodi a Napoli, Camposano, Arzano e Giugliano, dove le vittime sono mogli ed ex compagne. Gli aggressori: uomini violenti che non hanno accettato la fine di una relazione o mariti brutali. Le donne che hanno denunciato le vessazioni subite sono state trasferite in strutture protette oppure stanno seguendo un percorso psicologico.

"Da sempre i Carabinieri sono particolarmente vicini alle vittime delle violenze di genere. Si tratta di un fenomeno…

Pubblicato da La Provinciaonline su Martedì 11 agosto 2020

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti