domenica 23 Gennaio 2022
HomeCultura e SpettacoliXII EDIZIONE DE “A SERA D’O’ ‘NCIUCIO” 2017: A SPASSO TRA LA...

XII EDIZIONE DE “A SERA D’O’ ‘NCIUCIO” 2017: A SPASSO TRA LA STORIA E LE TRADIZIONI DEL PASSATO

XII EDIZIONE DE “A SERA D’O’ ‘NCIUCIO” 2017: A SPASSO TRA LA STORIA E LE TRADIZIONI DEL PASSATO a cura di SAVERIO FALCO

Sabato 9 e domenica 10 settembre 2017 passeggiata tra vicoli, portoni, bassi del borgo di Sirico in Saviano. Le serate saranno allietate da sapori, musiche, balli e racconti dei tempi passati.

La manifestazione, giunta al suo decimo anno, riscuote, edizione dopo edizione, sempre più successo e consenso, sia di critica che di pubblico, per la soddisfazione degli organizzatori.

Cos’è la “Sera dello ‘nciucio” (il pettegolezzo)? Quali sono gli obiettivi e le finalità?

La kermesse – che dal 2005 si svolge tutti gli anni a settembre – ha una finalità di carattere didattico e informativo, volta a promuovere lo sviluppo sociale, culturale e civile. Rafforzare i vincoli di solidarietà umana tra i cittadini e soprattutto tra le giovani generazioni, comprendere il presente partendo dal passato per conoscere le proprie radici, diventa necessaria condizione per un confronto con l’altro e per uno scambio umano proficuo e paritario. Questo è l’intento dell’associazione “Michela Polverino”, che organizza l’evento e opera attraverso la riscoperta del valore delle antiche origini, le quali, partendo dall’arte popolare e dall’artigianato, diventano espressioni culturali comunemente denominate folklore.

L’associazione “Michela Polverino” è costituita da appassionati volontari che si dedicano alla divulgazione e valorizzazione culturale del luogo in cui operano. Essa propone numerose iniziative tra cui la mostra dei presepi, il carnevale di Saviano e la rinomata “Festa dello ‘nciucio”.

Tutti i siricani partecipano attivamente ai preparativi dell’evento, mettendo a disposizione attrezzature e strumenti agricoli di un tempo, conoscenze, impiego di tempo e lavoro. Il borgo di Sirico in Saviano rappresenta, infatti, il luogo che racchiude la tradizione e la territorialità che hanno trasformato nei secoli i riti e le usanze della vita popolare in quelle che oggi possiamo definire importantissime risorse culturali ed economiche.

La manifestazione, giunta al suo 12-esimo anno, entra nei borghi, nei luoghi del lavoro contadino, dei mestieri, dei sapori, della genuinità, della sobrietà e della serenità della vita di un tempo.

Attraverso vicoli, portoni, bassi si realizza la semplicità, la solidarietà e la gioia di condividere un passato che ritorna prepotente e che diventa inciucio: inteso, però, strumento di partecipazione emotiva alle vicende altrui, piuttosto che maldicenza, cattiveria o valore limitante.

Lo ‘nciucio, infatti, è il fulcro della kermesse: esso ricostruisce una magica e nostalgica atmosfera in cui tutto è possibile, tra musica, balli e danze della trazione popolare napoletana, scene magistralmente allestite e arti popolari quasi del tutto dimenticate. La manifestazione di Sirico si propone, dunque, di diventare attraverso la variabilità e originalità delle diverse edizioni, una delle poche testimonianze di un’epoca ancora preservata nei suoi valori materiali e immateriali più significativi.

L’obiettivo dell’associazione è quello di raccogliere e preservare strumenti della memoria, tradizioni, peculiarità locali che caratterizzano il patrimonio culturale di una collettività, ma anche di sensibilizzare e coinvolgere tutte le forme associative del territorio: scuole, volontariato, istituzioni, produttori locali al fine di creare percorsi e occasioni di socializzazione e di scambi culturali per mettere in relazione le tradizioni e la storia con il presente e i cittadini con i visitatori.

Civiltà contadina di altri tempi, percorsi urbani ed enogastronomici, visita ai cortili dell’antico borgo di Sirico…e tanto altro ancora.

Il borgo che si affaccia su piazza Emanuele Gianturco, i vicoli della antica Sirico e gli edifici che architettonicamente ancora riportano segni del passato, la cultura tipicamente contadina delle generazioni antiche, gli strumenti agricoli, le attività di un tempo sono cimeli da conservare e valorizzare perché segni e esempi perenni della cultura, non solo di Sirico ma dell’intero paese di Saviano.

Appuntamento, quindi, per le due serate di sabato 9 e domenica 10 settembre 2017 per ritornare indietro nel tempo, rivivendo per un attimo il mondo contadino dei nostri avi, deliziando il palato con squisite pietanze preparate dalle matrone siricane e – perché no – “fare qualche ‘nciucio” con i tanti personaggi in abiti d’epoca che popoleranno i vicoli della contrada savianese.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Saverio Falco
Giovane studente, intraprendente, ricco di fantasia, creativo e gioioso. E' veramente un piacere avere tra noi autori, scrittori, giornalisti, filosofi, ma soprattutto ragazzi come quello odierno: un'anima che ama la cultura in tutte le sue sfaccettature, che trasmette un pensiero legato all'amore puro, dai sentimenti profondi. Nel 2012 fa il suo battesimo con la carta stampata, rivelando all'attenzione di noialtri lo spirito polivalente dell'esistenza. (A cura del poeta GIANNI IANUALE)

Articoli recenti