GIUGLIANO. In carcere nove soggetti ritenuti vicini al clan Mallardo e De Rosa. La denuncia che ha fatto scattare l’ordinanza di custodia cautelare: la richiesta di pizzo alla ditta che fornisce i pasti alle mense scolastiche.

Sono finiti in carcere in nove, ritenuti “vicini” al clan Mallardo e “De Rosa”. Gli inquirenti grazie alle indagini, sono riusciti a scoprire che l’organizzazione criminale attraverso l’uso di armi e intimidazioni, imponevano estorsioni ai danni di ditte edili, pescherie ed alberghi. Le indagini sono scattate dopo la denuncia di una ditta che fornisce pasti alle mense scolastiche di Varcaturo e Lago Patria. Gli addetti alle consegne, erano stati avvicinati da alcuni elementi del sodalizio criminale, che con minacce esplicite, gli intimavano di “mettersi a posto”, in caso contrario gli avrebbero incendiato i furgoni.