napoli higuain
napoli higuain

Campionato di serie A: Napoli sprecone, “aggancio” alla vetta rimandato. Con la sconfitta della capolista Roma, gli azzurri avevano il match point per raggiungere la vetta del campionato; operazione fallita.

Gli uomini di Sarri hanno creato molto contro il Genoa, almeno nove nitide palle gol, ma un po’ per imprecisione dei suoi interpreti, un po’ per bravura del portiere avversario, la porta rossoblù è rimasta inviolata. Rispetto alla partita di mercoledì, Sarri effettua un solo cambio: Mertens per Insigne. Gasperini gioca con un attacco “spuntato” (l’ex Pandev è fermo ai box causa infortunio) e si affida al talento di Perotti e alla velocità di Laxalt.

Formazioni:

Genoa (3-4-3): Perin; Munoz, Burdisso, Ansaldi; Figueiras, Dzemaili, Tino Costa Rincon; Laxalt, Perotti, Pavoletti. Allenatore: Gasperini.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Mertens. Allenatore: Sarri.

Cronaca della partita:

Il Napoli impone subito gli avversari alla difensiva: al 5’ Callejon si accentra e fa partire un tiro insidioso di sinistro da fuori area, Perin si distende e devia in calcio d’angolo. Al 27’, bella giocata di Mertens: il belga supera il diretto avversario con un tocco delizioso “sotto la suola”, il suo diagonale è pericoloso, con Higuain che cerca la deviazione vincente sotto porta (anche se in posizione di fuorigioco), palla fuori di poco. Al 29’, su un cross di Mertens, contatto dubbio nell’area di rigore rossoblù tra Burdisso e Higuain: l’arbitro Doveri fa cenno di continuare. Proteste azzurre. Al 32’ assist di Callejon per Mertens, Perin esce a valanga sul belga e riesce a deviare la sfera in angolo. Genoa inesistente per tutto il primo tempo e che perde per infortunio Munoz e Dzemaili.

Inizio della ripresa con il tema tattico che non cambia. Al 49’ ci prova Higuain con un guizzo, fuori di poco. All’53’, ghiotta occasione per Hamsik che però sbaglia lo stop e facilita l’intervento di Perin, la respinta del portiere genoano viene recuperata da Mertens che va al tiro, Perin blocca la sfera. Dopo un minuto, clamorosa occasione per il Napoli: Mertens per Higuain, il Pipita si gira in una frazione di secondo e calcia in porta, questa volta Perin sembra essere battuto, ma a deviare il tiro ci pensa Ansaldi. Al 58’ Callejon calcia da ottima posizione, ma strozza troppo il tiro che termina fuori. Al 75’, timido tentativo del Genoa dalla distanza con Figueiras, Reina blocca senza problemi. Al 77’ gran palla del neo entrato Insigne per l’inserimento di Hamsik, il capitano azzurro impatta male con la sfera, tiro sporco che Perin riesce a deviare in fallo laterale. Al 92’ calcio di punizione battuto da Gabbiadini, il tiro è deviato da un avversario, ma Perin non si fa sorprendere. L’ultimo brivido lo crea Insigne con una bordata da fuori area, l’estremo difensore genoano si tuffa sulla sua sinistra e devia in angolo. Fine della partita.

Un super Perin sbarra la strada agli azzurri che alla fine devono arrendersi alla bravura del portiere avversario. Appuntamento rimandato per l’aggancio alla vetta del campionato.

Pareggio d’oro per la squadra di Gasperini che ha subito l’iniziativa degli avversari per tutti i 90’.

Campionato di serie A: Napoli sprecone, “aggancio” alla vetta rimandato

 

 

 

Con la sconfitta della capolista Roma, gli azzurri avevano il match point per raggiungere la vetta del campionato; operazione fallita. Gli uomini di Sarri hanno creato molto contro il Genoa, almeno nove nitide palle gol, ma un po’ per imprecisione dei suoi interpreti, un po’ per bravura del portiere avversario, la porta rossoblù è rimasta inviolata.

Rispetto alla partita di mercoledì, Sarri effettua un solo cambio: Mertens per Insigne.

Gasperini gioca con un attacco “spuntato” (l’ex Pandev è fermo ai box causa infortunio) e si affida al talento di Perotti e alla velocità di Laxalt.

Formazioni:

Genoa (3-4-3): Perin; Munoz, Burdisso, Ansaldi; Figueiras, Dzemaili, Tino Costa Rincon; Laxalt, Perotti, Pavoletti. Allenatore: Gasperini.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Mertens. Allenatore: Sarri.

Cronaca della partita:

Il Napoli impone subito gli avversari alla difensiva: al 5’ Callejon si accentra e fa partire un tiro insidioso di sinistro da fuori area, Perin si distende e devia in calcio d’angolo. Al 27’, bella giocata di Mertens: il belga supera il diretto avversario con un tocco delizioso “sotto la suola”, il suo diagonale è pericoloso, con Higuain che cerca la deviazione vincente sotto porta (anche se in posizione di fuorigioco), palla fuori di poco. Al 29’, su un cross di Mertens, contatto dubbio nell’area di rigore rossoblù tra Burdisso e Higuain: l’arbitro Doveri fa cenno di continuare. Proteste azzurre. Al 32’ assist di Callejon per Mertens, Perin esce a valanga sul belga e riesce a deviare la sfera in angolo. Genoa inesistente per tutto il primo tempo e che perde per infortunio Munoz e Dzemaili.

Inizio della ripresa con il tema tattico che non cambia. Al 49’ ci prova Higuain con un guizzo, fuori di poco. All’53’, ghiotta occasione per Hamsik che però sbaglia lo stop e facilita l’intervento di Perin, la respinta del portiere genoano viene recuperata da Mertens che va al tiro, Perin blocca la sfera. Dopo un minuto, clamorosa occasione per il Napoli: Mertens per Higuain, il Pipita si gira in una frazione di secondo e calcia in porta, questa volta Perin sembra essere battuto, ma a deviare il tiro ci pensa Ansaldi. Al 58’ Callejon calcia da ottima posizione, ma strozza troppo il tiro che termina fuori. Al 75’, timido tentativo del Genoa dalla distanza con Figueiras, Reina blocca senza problemi. Al 77’ gran palla del neo entrato Insigne per l’inserimento di Hamsik, il capitano azzurro impatta male con la sfera, tiro sporco che Perin riesce a deviare in fallo laterale. Al 92’ calcio di punizione battuto da Gabbiadini, il tiro è deviato da un avversario, ma Perin non si fa sorprendere. L’ultimo brivido lo crea Insigne con una bordata da fuori area, l’estremo difensore genoano si tuffa sulla sua sinistra e devia in angolo. Fine della partita.

Un super Perin sbarra la strada agli azzurri che alla fine devono arrendersi alla bravura del portiere avversario. Appuntamento rimandato per l’aggancio alla vetta del campionato.

Pareggio d’oro per la squadra di Gasperini che ha subito l’iniziativa degli avversari per tutti i 90’.