napoli turismo
napoli turismo

Salute e turismo, il workshop promosso da Regione Campania e Asl Napoli 3 Sud. La politica della salute nel turismo in sinergia nell’unione Europea. Direttiva 2011/24/UE. È questo il titolo del workshop tenuto lunedì scorso 23 febbraio a Napoli presso il polo “Eccellenze Campane”.

L’iniziativa promossa dalla Regione Campania e dall’Asl Napoli 3 ha posto al centro della discussione il progetto “Mattone Internazionale” di cui la Campania è capofila per la linea sanità nel Mediterraneo, il termalismo terapeutico e il benessere termale dalla responsabile. Lara Natale responsabile del progetto per la Regione Campania (dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali) e l’architetto Katia Giova referente Asl Napoli 3 Sud, hanno curato l’organizzazione dell’evento.
Il progetto Mattone Internazionale del ministero della Salute nasce per rispondere all’esigenza condivisa di portare la sanità delle Regioni in Europa e l’Europa nei sistemi sanitari delle Regioni italiane con l’obiettivo di promuovere la divulgazione sul territorio nazionale delle politiche comunitarie e delle possibilità di accesso ai programmi europei e internazionali per la salute, la ricerca e l’innovazione.
Al convegno hanno partecipato tra gli altri l’assessore regionale a Turismo Pasquale Sommese, Raffele Calabrò consigliere del presidente della Regione Campania per la sanità, il commissario straordinario Asl Napoli 3 Sud Salvatore Panaro, Annamaria Colao docente di endocrinologia università Federico II di Napoli, Vito De Filippo sottosegretario ministero della Salute. L’Italia sta investendo con successo nel settore turistico per offrire servizi adeguati, in vista anche della recente applicazione della Direttiva europea sulla libera circolazione dei pazienti. Offrire servizi che comprendano assistenza sanitaria combinata con l’offerta termale e turistica rappresenta il più importante biglietto da visita del Sistema Sanitario Nazionale e delle Regioni.

La Campania costituisce una delle maggiori realtà termali del Paese. Le strutture campane si distribuiscono su un totale di 15 comuni, che rappresentano circa il 9% dei centri termali sul territorio nazionale. In un’epoca di crescente competizione nel panorama turistico internazionale e di affermazione di nuovi modelli di domanda, le risorse termali campane rappresentano una componente importantissima  del turismo da valorizzare  nelle  diverse componenti. L’evento è  stato rivolto a dirigenti, funzionari e personale esperto delle aziende sanitarie ed ospedaliere, delle Provincie, dei Comuni e delle associazioni di categoria e hai visto la partecipazione di esperti regionali, nazionali e internazionali coinvolti a vario livello.