lunedì 4 Marzo 2024
HomeAttualitàA Napoli non si vende il libro del figlio di Riina

A Napoli non si vende il libro del figlio di Riina

NAPOLI. “In questa libreria non troverete il libro di Salvatore Riina”. Queste le parole scritte su un foglio affisso alla vetrina della libreria Pisanti, una delle più importanti e frequentate di Napoli, a ridosso dell’Università Federico II di Napoli.


A darne notizia il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, nel corso de La radiazza di Gianni Simioli.
“Ci complimentiamo con Pisanti che ha accolto con favore il nostro invito e ci auguriamo che anche altri librai prendano la stessa decisione perché è assurdo dare tanta visibilità al figlio di un boss sanguinario, soprattutto perché non ha preso le distanze dal padre e tende a darne un’immagine edulcorata, da mulino bianco, che fa a pugni con la realtà fatta di omicidi e stragi” hanno aggiunto Borrelli e Simioli per i quali “intervistare il figlio di Riina è stato un errore gravissimo commesso da Vespa che non ha mai ospitato nel suo salotto i figli e i genitori delle tante vittime della camorra e della mafia per promuovere i loro libri”.
“Decidere di non vendere il libro di Riina è stato naturale per noi che, da sempre, cerchiamo di portare avanti una lettura di qualità e non rincorriamo operazioni commerciali che, in questo caso, sono davvero fuori luogo e inaccettabili” ha precisato Amedeo Pisanti per il quale “i piccoli editori che vogliono crescere non devono puntare su queste operazioni, ma puntare alla qualità”
Lo stesso Pisanti ha poi duramente criticato Vespa per aver ospitato Riina, soprattutto perché ha ricordato che, in qualità di presidente nazionale dell’associazione dei librai, aveva chiesto al giornalista di dedicare una o più puntate ai libri, ricevendo però un rifiuto “perché avrebbe avuto un calo dell’audience” come ha ricordato Pisanti.
“Evidentemente a Vespa fa piacere invitare i boss piuttosto che creare cultura parlando di libri di qualità” hanno concluso Borrelli e Simioli.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche