martedì 25 Giugno 2024
HomePoliticaAl via la Festa regionale dei Verdi, dibattiti e stand a Portici

Al via la Festa regionale dei Verdi, dibattiti e stand a Portici

PORTICI. Al via la festa regionale dei Verdi con stand e dibattiti. Parteciperanno anche il presidente De Luca e de Magistris.

Petizione per chiedere l’abolizione del pedaggio della tangenziale
“Quattro giorni per confrontarci sul presente e sul futuro dei Verdi della Campania che sono riusciti a tornare a essere protagonisti e per capire se il modello campano possa essere preso a esempio per il rilancio del Sole che ride anche nel resto d’Italia”.
Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e i portavoce regionale del Sole che ride, Vincenzo Peretti e Benedetta Sciannimanica, ricordando che “nel corso della festa regionale dei Verdi, in corso a Portici dal 6 al 9 ottobre, sarà avviata una raccolta firme per chiedere l’abolizione del pedaggio della tangenziale di Napoli, certi che anche il presidente della Regione, De Luca, e il sindaco di Napoli, De Magistris, non faranno mancare il loro sostegno per dare più forza alla petizione”.
Ricco il programma e le iniziative previste nei quattro giorni nelle due location scelte: Villa Consiglio e il complesso La terrazza in via Diaz a Portici. Non mancheranno momenti dedicati allo spettacolo, con il clou del concerto di Daniele Sepe, e alla gastronomia tipica locale e a quella vegetariana e vegana, anche se i momenti clou saranno quelli dedicati ai dibattiti dedicati ai temi politici e sociali, a cominciare da oggi, giovedì pomeriggio, quando l’apertura sarà affidata a un dibattito sui temi della disabilità a cui parteciperà anche il presidente provinciale dell’Unione ciechi, Mario Mirabile.
Venerdì la giornata si aprirà con un dibattito su Ecosistema e lavoro a cui parteciperanno anche il vice presidente della Regione, Fulvio Bonavitacola, il vice sindaco del Comune di Napoli, Raffaele Del Giudice, e Augusto Lacala, patròn di Bidonville. Nel pomeriggio si parlerà dell’impegno dei Davvero Verdi nel Governo delle città in un confronto a cui parteciperanno il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, il sindaco di Caserta, Carlo Marino, il sindaco di Ercolano, Ciro Bonajuto, l’assessore comunale di Salerno, Mariarita Giordano, il consigliere provinciale di Avellino, Gianluca Festa, i consiglieri comunali di Napoli, Stefano Buono e Marco Gaudini, il deputato Michele Ragosta e il capogruppo nel Consiglio comunale di Caserta, Antonio De Lucia.
Sabato si comincerà con un confronto sull’agricoltura e il turismo per la valorizzazione del territorio al quale parteciperanno il portavoce regionale Vincenzo Peretti, Giuseppe Orefice, presidente di Slow Food Campania e Basilicata, Franco Alfieri, consigliere per l’agricoltura della Regione Campania, e Corrado Matera, assessore al turismo della Regione Campania. Nel pomeriggio spazio al confronto sul ruolo dei Verdi in Regione al quale parteciperanno il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e i portavoce regionale Vincenzo Peretti e Benedetta Sciannimanica.
Domenica mattina, invece, spazio all’esigenza di una nuova legge sullo spettacolo in Campania con un dibattito a cui parteciperà anche il consigliere del Presidente per la cultura, Sebastiano Maffettone. La festa regionale dei Verdi avrà anche un’appendice nella mattinata di martedì 11 ottobre quando, al Gambrinus di Napoli, si festeggerà il trentennale della nascita dei Verdi con la partecipazione del portavoce nazionale, Giobbe Covatta.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche