martedì 18 Giugno 2024
HomeAttualitàA Brusciano uniti per ricordare Guido De Ruggiero

A Brusciano uniti per ricordare Guido De Ruggiero

Brusciano – Un anno speciale in memoria di Guido De Ruggiero, storico della filosofia, antifascista, intellettuale di fama internazionale.


In Italia si ricorda quest’anno il 60° anniversario della Costituzione. Un personaggio storico, con origine a Brusciano e di levatura internazionale, Guido De Ruggiero (Napoli 1988-Roma 1948) contribuì alla lotta per giungere il traguardo di una repubblica democratica: la Costituzione. Nei giorni scorsi, in occasione del 120° anniversario della sua nascita, sulla sua tomba è stato deposto un omaggio floreale dal mondo dell’associazionismo locale, rappresentato dal sociologo Antonio Castaldo dell’Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali. Ecco il breve testo di accompagnamento: “A Guido De Ruggiero, nel 120° anniversario della sua nascita. Allo storico della filosofia e antifascista, un riverente pensiero alla Sua Memoria, con i segni della più viva gratitudine, e l’impegno a praticare il suo insegnamento, restando noi, uomini e donne, lungo il cammino del Ritorno alla Ragione”. Le spoglie di Guido De Ruggiero giacciono nella cappella di famiglia del cimitero comunale di Brusciano, con il perenne epitaffio dettato da Benedetto Croce : “Dalla cattedra e con gli scritti indagò / nella storia del pensiero la potenza / di libertà costruttrice / del mondo degli uomini, e, auspicando / in tempi oscuri il ritorno alla ragione / fu alle nuove generazioni d’Italia / maestro ed apostolo di fede nell’umanità”.
De Ruggiero, storico della filosofia, antifascista, rappresentante del Partito d’Azione, fu il primo ministro della Pubblica Istruzione in Italia, nel Governo Bonomi II (18 giugno-12 dicembre 1944). La trascorsa stagione dell’Educazione Nazionale era stata chiusa con il Regio Decreto n. 142 del 29 maggio 1944.
A Brusciano sopravvive anche la testimonianza storica ed architettonica della “Masseria De Ruggiero”, teatro della crescita e dello sviluppo intellettuale di Guido De Ruggiero.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche