sabato 4 Febbraio 2023
HomeAppuntamentiAcerra "capitale dell'agricoltura", oggi e domani gli Stati generali del settore

Acerra “capitale dell’agricoltura”, oggi e domani gli Stati generali del settore

ACERRA – Sostenere gli agricoltori accompagnandoli verso un nuovo modello di produzione. E’ l’obiettivo che si pone l’amministrazione comunale di Acerra nella due giorni di eventi interamente dedicati al mondo dell’agricoltura. Oggi lunedì 5 dicembre e martedì 6 dicembre, infatti, Acerra ospiterà gli ‘Stati Generali dell’Agricoltura’, con l’intento di sviluppare la discussione sui differenti temi che sostengano il settore verso il futuro. Incontri specifici qualificati per fare emergere idee e buone pratiche che verranno raccolte in un ‘Manifesto finale condiviso’. Referenti e protagonisti della due giorni acerrana saranno agricoltori, operatori dell’agroalimentare, consumatori e loro organizzazioni, il mondo della ricerca, tecnici, nonché gli amministratori pubblici, il mondo della cultura e del terzo settore, oltre agli stessi cittadini, che rappresentano la base di un interesse sociale diffuso per un inedito nuovo rapporto città/campagna.

Ciascuna delle due giornate affronterà temi cruciali per l’economia del comparto.

LUNEDI’ 5 DICEMBRE – CASTELLO DEI CONTI
• ore 11 saluti istituzionali del sindaco Tito d’Errico e dell’assessore al ramo Milena Tanzillo e primi interventi;
• ore 13 Light Lunch;

SESSIONI TEMATICHE PARALLELE (dalle ore 15 alle ore 18)
• Analisi dell’agroalimentare del territorio acerrano (Sala del Cinema – Granile);
• Sostenibile, Innovativa, Bio: l’Identikit dell’Agricoltura del Futuro (Sala dei Conti);
• Forme di Aggregazione nel Settore Agricolo L’Efficacia del Contratto di Rete nel Settore Agroalimentare (Sala Convegni);

MARTEDI’ 6 DICEMBRE – PARCO URBANO
ore 11/13
• Presentazione risultati sessioni tematiche;
• Tavola Rotonda: Il Futuro dell’Agro Acerrano;

“L’agricoltura resta un settore strategico per il nostro territorio – sottolinea il sindaco di Acerra Tito d’Errico – e con gli ‘Stati Generali dell’Agricoltura’ intendiamo promuovere il confronto ed il dibattito sulle grandi trasformazioni che il mondo agricolo sta vivendo. Riteniamo che sia importante sensibilizzare gli addetti ai lavori ed il pubblico sui temi dell’agricoltura per sostenere le aziende, soprattutto quelle di dimensione minore. Il messaggio che lanciamo da Acerra – aggiunge il primo cittadino – è come sia possibile trasformare gli svantaggi in opportunità di sviluppo con produzioni idonee legate al territorio e lavorare affinchè si realizzi un rapporto più paritetico tra città e campagna, non solo avvicinando i cittadini ai temi dell’agricoltura, ma anche attraverso un sistema di distribuzione mirato ad una maggior integrazione tra produttori e consumatori dello stesso territorio”.
“L’agricoltura non può rinunciare alla sostenibilità economica nel perseguire un livello di produzione che soddisfi una domanda alimentare crescente – spiega l’assessore al ramo Milena Tanzillo – come non deve rinunciare a migliorare la qualità della produzione. Deve però orientarsi verso sistemi di gestione che consentano di conservare fertilità, biodiversità, rigenerazione delle risorse naturali, di salvaguardare i paesaggi rurali, di realizzare un’integrazione tra aree coltivate, aree naturali ed aree urbane, garantendo occupazione e trasparenza, così come da indicazioni delle Nazioni Unite e così come sostenuto sul piano etico da Papa Francesco nell’Enciclica Laudato si’ ”.

Gli ‘Stati Generali dell’Agricoltura’ sono un’iniziativa promossa dal Comune di Acerra che vede l’adesione dell’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Napoli, del Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, di Assoutenti, di Agron e dell’Associazione Ari.Amo.
La partecipazione dei professionisti iscritti all’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali comporterà l’attribuzione di Crediti Formativi Professionali per la formazione professionale continua.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti