martedì 29 Settembre 2020
Home Politica Acqua pubblica, Villani: "Una buona occasione di dire no ai privati"

Acqua pubblica, Villani: “Una buona occasione di dire no ai privati”

ACQUA PUBBLICA, CON M5S STOP AI PRIVATI. SU ELEZIONI ENTE IDRICO, VILLANI: “UNA BUONA OCCASIONE PER I RAPPRESENTANTI LOCALI DI DIRE NO ALLA GORI”

Ieri, i sindaci sono stati chiamati al voto per le elezioni suppletive per il Consiglio di Distretto Sarnese Vesuviano dell’Ente Idrico Campano. Sul tema, interviene la deputata del MoVimento 5 Stelle Virginia Villani: “E’ stata finalmente l’occasione per i rappresentanti cittadini di esprimere una volta e per tutte, in modo chiaro ed inequivocabile, il loro parere favorevole o contrario all’acqua pubblica. Sebbene la situazione fosse solo di ricostituzione del gruppo dopo le dimissioni di alcuni rappresentanti, è stata positiva la partecipazione di massa di quasi tutti i sindaci del comprensorio dell’Agro Sarnese Vesuviano. Una buona occasione di ribadire il “no” alla Gori e votare i rappresentanti dei coordinamenti a favore dell’acqua pubblica” dichiara l’on. Virginia Villani del MoVimento 5 Stelle “Il ritardo della Regione, i conflitti di interesse, la colpevole distrazione di qualche amministratore, ha lasciato in questi anni l’azienda privata Gori di agire indisturbata. Ad oggi abbiamo tariffe alle stelle, una manutenzione scadente e problemi di erogazioni e servizi. Questa privatizzazione ha portato solo danni alla collettività e soldi a pochi. Noi del MoVimento 5 Stelle da sempre ci battiamo per l’acqua pubblica e siamo contro la privatizzazione che, al di fuori di ogni legittimità, ha portato solo problemi alle nostre comunità. E’ arrivato il momento di dire basta e di far valere la volontà popolare espressa dal referendum del 2011: è per questo che fin dal nostro insediamento al Governo di questo Paese, abbiamo iniziato subito a mettere in campo la nostra proposta di legge. Dalla prossima settimana inizierà la discussione alla Camera con iter urgente per la proposta di legge per l’acqua pubblica (atto n. 52): con la gestione privata le bollette aumentano mentre non si fanno gli investimenti per ammodernare una rete vecchia e malandata, che butta via più del 40% dell’acqua che trasporta. Uno spreco che non possiamo più tollerare e a cui il Governo del Cambiamento metterà la parola fine”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Pallavolo B1 F. Alessia Postiglione indicata capitano della Luvo Barattoli Arzano

Lo spogliatoio ha scelto la graduata per la prossima stagione di B1 Alessia Postiglione è pronta per affrontare la sua prima stagione da capitano della...

Scuola. Aprire in sicurezza, l’Asl Na3 sud forma insegnanti Covid

L’Asl Napoli 3 Sud al fianco degli istituti per una riapertura in sicurezza. In collaborazione con le istituzioni scolastiche regionali l’azienda sanitaria ha attivato...

Novità editoriale: “Sopravvissuti”. Le presentazioni

NAPOLI. Martedì 29 settembre ore 18:30  in diretta sul canale YouTube della Polidoro Editore con Vincenza Alfano, Giovanna Scalzo e Antonio Esposito e Sabato 3...

“Abitare la storia: la casa dei Correale”, visita guidata a Sorrento

SORRENTO. Il presidente Gaetano Mauro, il CdA e il direttore Filippo Merola, nell’ottica di collaborazione con le associazioni locali già da tempo intrapresa con...

Successo per il Premio Ambasciatori del Sorriso 2020

SAN VITALIANO. Grande successo per il Premio  Ambasciatori del Sorriso 2020. Tra i premiati tante eccellenze. Dott. Paolo Ascierto, il magistrato Catello Maresca, lo scultore...
- Advertisment -