mercoledì 21 Febbraio 2024
HomeAppuntamentiAd Ospedaletto il 2 febbraio un concerto per Marcello Colasurdo

Ad Ospedaletto il 2 febbraio un concerto per Marcello Colasurdo

Aspettando la Candelora.
Marcello Colasurdo con la sua musica richiamava in maniera ancestrale i vissuti di questa terra. Il paese, con la sua storia e le sue tradizioni, e la sua voce erano in simbiosi.
Nel pensare alla Candelora, alla difesa dei diritti, alle battaglie che ha condotto contro le discriminazioni, questo grande artista ha rappresentato l’intimo sentire che fa rumore.
Marcello Colasurdo non c’è più, è stato definito maestro, poeta, re.
Il tutto con una specifica: della tammurriata.
Uno stile musicale che non può essere slegato da un modo di danzare, di comunicare, di sentire.
Una cultura complessa, che dietro un sound apparentemente disimpegnato e allegro, grida di ingiustizie e dolori, prega e bestemmia, racconta di pezzi di popolazione da sempre ultimi, ai margini, e che Colasurdo insieme al gruppo ‘E Zezi ha trasportato nel presente, passando dai canti di protesta dei contadini a quelli degli operai.
È stata l’amministrazione guidata da Antonio Saggese a conferire la cittadinanza onoraria a Colasurdo, perché sull’accoglienza e sull’inclusione avevano fondato il loro principale impegno.
Colasurdo rappresentava Femio, l’aedo dell’Odissea.
Come lui tenne in vita Ulisse cantandone le gesta, così Marcello e le paranze hanno garantito sopravvivenza alla tradizione.
Se oggi ancora viviamo determinate emozioni, è grazie a lui, quindi è vivo nei nostri cuori.
Enzo Gragnianiello ebbe a dire “Marcello era un angelo, la sua voce conteneva tutto il Mediterraneo” mentre Vladimir Luxuria ha esordito “Sarebbe bello che potesse risuonare in chiesa ogni 2 febbraio”
Vi aspettiamo il 2 Febbraio ad Ospedaletto, per rivivere miti, storie e leggende, nella tradizione, seguirà in questi giorni il programma con dovizia di particolari.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche