domenica 25 Luglio 2021
HomePoliticaAmbiente. Miasmi Sarno, Villani interroga il ministro Costa

Ambiente. Miasmi Sarno, Villani interroga il ministro Costa

SARNO. Miasmi nell’area Pip di Sarno diritto al respiro negato. Villani (M5s) interroga il ministro Costa.

Miasmi nella zona industriale di Sarno, tra siti di trattamento dei rifiuti e scarichi illegali. La Deputata del MoVimento 5 Stelle interroga il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, Sergio Costa: È ora di dire basta all’odore nauseabondo che sta avvelenando la nostra bellissima città di Sarno: ho interrogato il Ministro Costa chiedendo di sapere se sono state individuate le cause delle reiterate contaminazioni della matrice ambientale aerea, del suolo e delle acque registrate nell’area Pip di Sarno. Ai cittadini di Sarno viene negato il diritto a respirare e a vivere all’aria aperta” dichiara la Deputata del MoVimento 5 Stelle Virginia Villani.  Il 23 giugno 2020 nel comune di Sarno, un gruppo molto numeroso di cittadini, quasi tutti residenti in zona «Masseria della Corte», si è recato presso il locale commissariato di polizia per protestare contro l’odore nauseabondo proveniente da via Ingegno che si estendeva fino al centro della città. Ad oggi le esalazioni e i miasmi provenienti da questa area, sono tanto intensi e disgustosi da compromettere il diritto al respiro dei residenti, impossibilitati a condurre una vita sociale e familiare serena” spiega la Deputata VillaniI cittadini, costituiti anche in un Comitato civico «Uniti per l’ambiente» denunciano già da qualche anno, una situazione ormai intollerabile nell’area Pip di Via Ingegno. Già in diverse occasioni del resto, ho segnalato al Ministero delle gravi anomalie sulle attività industriali nella zona Pip di Sarno, sugli scarichi e gli sversamenti abusivi. Addirittura, dopo un drammatico incendio, verificatosi a marzo 2020 in un capannone dell’azienda Prt srl che, da anni svolge attività di trattamento rifiuti, i residenti della zona adiacenti gli impianti, sono stati costretti a lasciare le proprie abitazioni per alcuni giorni per cercare di tutelare la propria salute e quella dei propri cari, nel periodo di quarantena dovuta al Covid 19: anche in quell’occasione ho chiesto l’intervento del Ministero – conclude Villani Adesso, è necessario tirare le somme: vogliamo sapere qual è il grado di pericolosità dei fenomeni odorigeni avvertiti dalla cittadinanza per porre fine a questi fenomeni evitando che in futuro episodi simili si possano ripetere e tutelando il supremo diritto alla salute dei cittadini della nostra amata Sarno”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti