venerdì 23 Aprile 2021
HomeCultura e Spettacoli"Amore In Violato", al via il progetto della Commissione Pari opportunità

“Amore In Violato”, al via il progetto della Commissione Pari opportunità

NOLA. “Amore In Violato”, al via il progetto della Commissione Pari opportunità.

È stato presentato ieri pomeriggio, 1 aprile, il progetto “Amore In Violato” nato su iniziativa della Commissione Pari Opportunità istituita presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Nola, nello splendido scenario della Reggia degli Orsini, sede del Palazzo di Giustizia.
Iniziativa promossa, inoltre, con il patrocinio della Commissione P.O. del Consiglio Nazionale Forense e dell’Ordine degli psicologi della Campania.

Molto particolare e suggestiva l’ambientazione che è stata creata in occasione della giornata inaugurale, con l’installazione di 30 sagome viola a grandezza naturale di donne e bambini, recante ognuna il nome, l’età e il riassunto della tragica storia di un amore criminale, in rappresentanza delle tante vittime di femminicidio.

Secondo un’indagine condotta dalla Casa delle donne di Bologna, sono state 134, nel 2013, le donne uccise in Italia, in aumento rispetto agli anni precedenti, se consideriamo che la media dei nove anni precedenti di rilevazione è di 116 casi.

La medesima ambientazione verrà riproposta nella giornata di chiusura del progetto che si terrà, sempre in Tribunale a Nola, il pomeriggio del 13 maggio, in cui verrà sintetizzata, con la partecipazione di ospiti-testimonial, l’esperienza vissuta.

Alla presenza di avvocati, magistrati, psicologhe, criminologhe, dirigenti scolastici del territorio e rappresentative studentesche degli istituti aderenti all’iniziativa, sono intervenuti alla giornata inaugurale avv. Maria Masi, referente per il CNF della Commissione pari opportunità, avv. Italia Ferraro, vice presidente del Consiglio Forense di Nola, avv. Paola Caruso, presidente della Commissione P.O. dell’Ordine di Nola, avv. Giuseppina Manfredi, consigliera dell’Ordine Forense di Nola,  dott. Mariarosaria Alfieri, criminologa, dott. Elisa Loré, psicologa, avv. Rossella Calabritto, presidente Commissione P.O. provincia di Caserta, dott.ssa Francesca Beneduce, Commissione P.O. Regione Campania, e il giornalista Michele Sibilla.

I diversi interventi sono stati intervallati da letture di racconti e poesie, accompagnate da un sottofondo musicale con chitarra classica, egregiamente eseguito da un giovane praticante avvocato Antonio Marotta.

Ora il progetto “Amore In Violato” si sposterà nelle scuole dei 34 comuni del circondario del Tribunale di Nola interessate all’iniziativa formativa.

È questo il momento centrale del progetto in quanto questa fase vedrà l’impegno e l’interazione di avvocati, magistrati, psicologi, criminologi e personale docente della scuola.

In particolare, fino al 10 maggio prossimo si terranno, presso vari istituti scolastici, in sale attrezzate di computer, videoproiettore e sistema di amplificazione, work shop della durata di tre ore, durante le quali le tematiche verranno affrontate attraverso una didattica attiva e interattiva: fruizione di slides, partecipazione attiva degli studenti attraverso brain storming di gruppo, testimonianze di vita vissuta, somministrazione di questionari e di schede per il feedback che sarà oggetto di valutazione per le relazioni finali e la eventuale pubblicazione dei lavori.

 

«Il Progetto nasce dalla consapevolezza che il problema della violenza di genere e soprattutto di quella perpetuata ai danni di donne, bambini e individui “incapaci” di difendersi, sia soprattutto un grave deficit culturale – dichiara l’avv. Maria Masi, referente CNF per le Pari Opportunità – la cultura può e deve assumere un ruolo fondamentale nella lotta alla violenza di genere e alle discriminazioni con e attraverso la cultura maturano le risposte a domande spesso rimaste mute. Con la cultura si possono riscrivere le regole e le relazioni affettive perché essa è in grado di agire sulle loro radici».

 

«L’iniziativa si avvale dell’ausilio di psicologhe, psicoterapeute e criminologhe e si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica ma, soprattutto, di instaurare un filo diretto con la Scuola (Primaria, Secondaria e Superiore) al fine di intervenire stabilmente e meglio contribuire alla formazione dei bambini e dei ragazzi nella fase pre e post adolescenziale, quando è ancora possibile l’Educazione alla conoscenza dell’Altro ed alla accettazione della diversità (di sesso, ruolo, cultura e genere) – afferma l’avv. Paola Caruso, presidente Commissione P.O. –  Intervenire nel percorso di formazione di bambini e ragazzi significa contribuire allo sviluppo di una coscienza civica comune basata sul rispetto dell’altro e sulla possibilità di scegliere la strada della non-violenza».

 

«Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Nola – afferma il Presidente, avv. Francesco Urraro – è ancora una volta in prima linea, con impegno costante e mai domo, a favore delle tematiche che riguardano la legalità, anche attraverso una importante azione di stimolo e di impulso nei confronti delle istituzioni presenti sul territorio, che a vario titolo sono impegnate a prevenire e a combattere il fenomeno della violenza nei confronti delle donne e dell’infanzia».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti