sabato 15 Maggio 2021
HomeCronacaAppello urgente per il tabaccaio ferito: serve sangue. Sindaco: "Doniamo"

Appello urgente per il tabaccaio ferito: serve sangue. Sindaco: “Doniamo”

SOMMA VESUVIANA. L’uomo in questo momento è in sala operatoria e ha bisogno di molte trasfusioni di sangue, il sindaco Di Sarno: “Andiamo a donare”.

Sono ancora critiche le condizioni dell’uomo, conosciuto e stimato a Somma Vesuviana, ritrovato ferito gravemente all’interno della sua tabaccheria. Adesso è in sala operatoria all’Ospedale del Mare, sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Ha bisogno di molto sangue per le trasfusioni e tutta la comunità sommese si sta adoperando affinchè venga aiutato in questo drammatico momento. Anche il sindaco Salvatore Di Sarno ha lanciato un accorato appello: “ll nostro amico Tommaso sta combattendo la sua battaglia per la vita. Adesso è in sala operatoria e ha bisogno di molte trasfusioni di sangue. Andiamo domani mattina a donare direttamente all’ospedale”.

Choc a Somma. Tabaccaio trovato in un lago di sangue

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti