venerdì 25 Giugno 2021
HomeCronacaBar, pasticceria, supermercato: sequestrati locali e tonnellate di cibo

Bar, pasticceria, supermercato: sequestrati locali e tonnellate di cibo

MARIGLIANO. Bar, pasticceria, supermercato: dai cornetti ai rustici, dai prosciutti ai prodotti ittici, tonnellate di alimenti privi di garanzia, senza rintracciabilità. Tutto sequestrato, sigilli anche ai depositi alimentari e ai laboratori di pasticceria e locali frigo.

Potrebbe chiamarsi operazione “Negozi puliti”, quella che i Nas di Napoli – carabinieri del Nucleo antisofisticazione al comando del Capitano Gennaro Tiano – stanno eseguendo in queste ore nel Napoletano. Da Poggiomarino a Pozzuoli passando per i comuni di Marigliano e Mariglianella (sequestrati prodotti dolciari in due pasticcerie). Controlli a decine di esercizi commerciali – in particolare alimentari – per verificare lo stato di produzione e conservazione degli alimenti, nonché accertare che abbiano la documentazione che ne garantisca la rintracciabilità. Obbligatoria per legge. Documentazione obbligatoria anche per gli stessi locali adibiti a laboratori, depositi e, infine, per la vendita degli alimenti.

Certificazione di tracciabilità, dunque, necessaria di cui invece ne erano del tutto privi due esercizi commerciali – bar pasticceria “Merenghe AZ e l’attiguo supermercato affiliato Conad – in via G. Amendola a Marigliano. Gli accertamenti eseguiti dai carabinieri del Nucleo antisofisticazione sono stati svolti con il personale dipendente  della Asl Napoli 3 Sud. Questi, dopo ore di controlli minuziosi, hanno proceduto alla chiusura amministrativa di un laboratorio di pasticceria poiché privo dei requisiti minimi previsti dalla vigente normativa, nonché di un locale adibito a laboratorio-deposito di alimenti – cui erano annesse diverse celle frigo – perché privo della prevista registrazione sanitaria e dei requisiti minimi igienico sanitari e strutturali. Non solo. Nel corso del blitz i Nas hanno, inoltre, eseguito il sequestro amministrativo di oltre 2 tonnellate di alimenti tipici della pasticceria, ittici, carnei e vegetali (semilavorati, cornetti, torte, pizzette, polipi, calamari, rana pescatrice, agnelli, pane), rinvenuti privi di qualsivoglia indicazione utile a garantirne la loro rintracciabilità. Il valore delle strutture sottoposte a sequestro ammonta a circa 600mila euro.

Stessa sorte per l’attiguo supermercato, affiliato Conad di via Amendola. Anche in questo esercizio commerciale i militari dei Nas di Napoli hanno emesso una dura sentenza alla fine dei controlli. Chiusura amministrativa di tre locali adibiti a deposito alimenti, privi dei requisiti minimi igienico-sanitari e strutturali, nonché al sequestro amministrativo di 300 chili circa di prosciutti e pancette, alimenti rinvenuti privi di qualsivoglia indicazione utile a garantirne la loro rintracciabilità. Il valore economico della struttura sottoposta a sequestro ammonta, in questo caso, a circa 200mila euro.

di Patrizia Panico

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti