martedì 27 Ottobre 2020
Home Cronaca Bar, pasticceria, supermercato: sequestrati locali e tonnellate di cibo

Bar, pasticceria, supermercato: sequestrati locali e tonnellate di cibo

MARIGLIANO. Bar, pasticceria, supermercato: dai cornetti ai rustici, dai prosciutti ai prodotti ittici, tonnellate di alimenti privi di garanzia, senza rintracciabilità. Tutto sequestrato, sigilli anche ai depositi alimentari e ai laboratori di pasticceria e locali frigo.

Potrebbe chiamarsi operazione “Negozi puliti”, quella che i Nas di Napoli – carabinieri del Nucleo antisofisticazione al comando del Capitano Gennaro Tiano – stanno eseguendo in queste ore nel Napoletano. Da Poggiomarino a Pozzuoli passando per i comuni di Marigliano e Mariglianella (sequestrati prodotti dolciari in due pasticcerie). Controlli a decine di esercizi commerciali – in particolare alimentari – per verificare lo stato di produzione e conservazione degli alimenti, nonché accertare che abbiano la documentazione che ne garantisca la rintracciabilità. Obbligatoria per legge. Documentazione obbligatoria anche per gli stessi locali adibiti a laboratori, depositi e, infine, per la vendita degli alimenti.

Certificazione di tracciabilità, dunque, necessaria di cui invece ne erano del tutto privi due esercizi commerciali – bar pasticceria “Merenghe AZ e l’attiguo supermercato affiliato Conad – in via G. Amendola a Marigliano. Gli accertamenti eseguiti dai carabinieri del Nucleo antisofisticazione sono stati svolti con il personale dipendente  della Asl Napoli 3 Sud. Questi, dopo ore di controlli minuziosi, hanno proceduto alla chiusura amministrativa di un laboratorio di pasticceria poiché privo dei requisiti minimi previsti dalla vigente normativa, nonché di un locale adibito a laboratorio-deposito di alimenti – cui erano annesse diverse celle frigo – perché privo della prevista registrazione sanitaria e dei requisiti minimi igienico sanitari e strutturali. Non solo. Nel corso del blitz i Nas hanno, inoltre, eseguito il sequestro amministrativo di oltre 2 tonnellate di alimenti tipici della pasticceria, ittici, carnei e vegetali (semilavorati, cornetti, torte, pizzette, polipi, calamari, rana pescatrice, agnelli, pane), rinvenuti privi di qualsivoglia indicazione utile a garantirne la loro rintracciabilità. Il valore delle strutture sottoposte a sequestro ammonta a circa 600mila euro.

- Advertisement -

Stessa sorte per l’attiguo supermercato, affiliato Conad di via Amendola. Anche in questo esercizio commerciale i militari dei Nas di Napoli hanno emesso una dura sentenza alla fine dei controlli. Chiusura amministrativa di tre locali adibiti a deposito alimenti, privi dei requisiti minimi igienico-sanitari e strutturali, nonché al sequestro amministrativo di 300 chili circa di prosciutti e pancette, alimenti rinvenuti privi di qualsivoglia indicazione utile a garantirne la loro rintracciabilità. Il valore economico della struttura sottoposta a sequestro ammonta, in questo caso, a circa 200mila euro.

di Patrizia Panico

 

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Cambia ordinanza, in Campania ok all’asporto fino alle 22,30

NAPOLI - In Campania sarà possibile l'asporto, ma fino alle 22.30. Un'ordinanza di rettifica del provvedimento adottato dal governatore Vincenzo De Luca rende noto...

Nasce l’intergruppo parlamentare “Infanzia e Adolescenza”. Tutte le info

ROMA. Dalla pagina social del parlamentare Paolo Siani. "Nasce l’Intergruppo Parlamentare ‘Infanzia’ con l’intento di marcare in maniera più decisa l’azione parlamentare sui temi legati...

Scuola, mobilità e ristorazione. L’ultima ordinanza della Regione Campania

NAPOLI. Coronavirus, l’ordinanza n. 85 del 26/10/2020 contiene misure per la prevenzione e il contenimento dell’epidemia da COVID-19, in particolare sui temi della scuola,...

Ruba zaino di un operaio a Ponticelli e fugge. Arrestato 22enne

NAPOLI. I carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli hanno arrestato per furto Salvatore Imparato, 22enne di Ponticelli già noto alle forze dell'ordine. Il giovane...

La lettera: “Ho i sintomi del Covid, attendo tampone da 5 giorni”

Somma Vesuviana. Gentile redazione, vorrei che pubblicaste la mia lettera con la speranza che segnalare i casi come il mio servano a far capire...
- Advertisment -