sabato 24 Settembre 2022
HomeCronacaBomba e pistole in una casa pignorata, il sequestro dei carabinieri

Bomba e pistole in una casa pignorata, il sequestro dei carabinieri

Melito di Napoli. Pistole e un ordigno esplosivo erano nascoste in una casa pignorata disabitata da tempo. A scoprirlo i carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna insieme a colleghi della Compagnia di Giugliano in Campania.

I militari questa mattina erano impegnati in controlli e perquisizioni a carico di pregiudicati e personaggi considerati “d’interesse” della zona di Melito.
Nel corso di perquisizione in una casa di via Cimmino sottoposta a pignoramento e disabitata da anni gli uomini dell’Arma hanno inoltre rinvenuto e sequestrato due revolver: un calibro 357 con 27 cartucce e un calibro 38 special con 22 cartucce, entrambi con matricola punzonata e nascosti sotto un materasso.
Nella casa anche un ordigno esplosivo di fabbricazione artigianale realizzato con le polveri di una confezione di “black thunder” (dei grossi raudi), un recipiente metallico cilindrico e due micce.
Trovati anche un caricatore e 75 cartucce per armi di altro calibro.
per le prime verifiche e la messa in sicurezza dell’ordigno sono stati fatti intervenire gli artificieri antisabotaggio dei carabinieri di Napoli mentre la sezione scientifica di Castello di Cisterna ha repertato munizioni e armi per successivi accertamenti balistici per scoprire se siano stati utilizzati in eventuali fatti di sangue o in episodi di intimidazione.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti