venerdì 23 Aprile 2021
HomeAttualitàChiaiano, migliaia di persone per dire No alla discarica

Chiaiano, migliaia di persone per dire No alla discarica

NAPOLI. Metropolitana di Chiaiano, ore 16: migliaia di persone con bandiere issate, cartelloni colarati, striscioni, fischietti e megafoni. Un fiume di bambini, bambini e ancora bambini, per sfilare e dire per l’ennesima volta: No alla discarica, nè a Chiaiano nè altrove.

Corteo di protesta, che si ripete come un copione già visto, ma necessario quando l’urgenza di ribadire che il popolo non si arrende alle ostinate decisioni politiche che ancora una volta spingono per l’apertura di una seconda discarica sui territori già martoriati di Chiaiano, Giugliano e dell’intera area nord-est di Napoli.

Partiti dalla Metro di Chiaiano, i manifestanti hanno percorso tutta Santa Maria a Cubito fino a raggiungere la rotonda Titanic.

Dopo anni di lotta e di protesta finalmente dal dicembre 2011  la discarica di Chiaiano  è stata chiusa e resta in attesa di essere bonificata in quanto le falde acquifere, a causa della permeabilità del suolo, rischiano di subire infiltrazioni di percolato.

Ma, nonostante i recentissimi 17 arresti per disastro ambientale, legati alla vicenda in questione, sembra paradossale la conferenza dei servizi prevista ilprossimo 1 Aprile tra Regione, Comune ed Enti competenti per decidere sulla costruzione di una nuova discarica a Chiaiano. Come segno di una risposta continua, Martedì 1 Aprile la Rete Commons ha organizzato un presidio in piazza Bovio alle 9.30, a dimostrazione del continuo braccio di ferro tra istituzioni e comitati anti-discarica che lottano e sfilano insieme ai cittadini urlando di non mollare mai, per il proprio terriorio ma sopratutto per il futuro dei loro figli, consapevoli che se il binomio “camorristi e politici corrotti” continuerà il “pacco ambientale” per i nostri figli sarà servito.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti