domenica 23 Giugno 2024
HomeAttualitàCiro Raia si dimette dal Consiglio comunale

Ciro Raia si dimette dal Consiglio comunale

SOMMA VESUVIANA. Il capogruppo di Rifondazione comunista si è dimesso dal Consiglio comunale. Alla base della scelta ci sono motivazioni professionali: alcuni impegni lavorativi che lo terranno lontano da palazzo Torino per molto tempo.


SOMMA VESUVIANA. Il capogruppo di Rifondazione comunista, Ciro Raia, si è dimesso dal Consiglio comunale. Alla base della scelta ci sono motivazioni professionali: alcuni impegni lavorativi che lo terranno lontano da palazzo Torino per molto tempo.
Termina così, dopo poco più di un anno di mandato, l’esperienza amministrativa di Raia nella consiliatura in corso. Raia, già assessore alla Cultura e alla Pubblica amministrazione dal 1993 al 1997, si era presentato alle Comunali del 18 e 19 giugno del 2006 alla testa di una coalizione di centrosinistra composta da Repubblicani democratici, Italia dei Valori, Lista Erika per Somma, Rifondazione comunista, Verdi, Lista “la Ginestra” e l’Udeur per la carica di sindaco. Al primo turno, aveva ottenuto 6177 preferenze, scavalcando inaspettatamente per numero di voti Alberto Angrisani, il candidato proposto da un’altra coalizione di centrosinistra (La Margherita, Democratici di Sinistra, Lista Polis, Psdi, La Rosa nel Pugno e i Comunisti italiani), fermo a 5580 voti. Nel ballottaggio, Raia si era dovuto arrendere al candidato del centrodestra Raffaele Allocca, che lo aveva ampiamente distaccato già al primo turno. Eletto di diritto nel Civico consesso, Raia aveva poi aderito al gruppo consiliare di Rifondazione comunista. Il 16 agosto le dimissioni. Gli subentra Oreste Vibrati, primo dei non eletti della lista civica “La Ginestra” con 195 voti.

Francesco Di Rienzo

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche