venerdì 14 Giugno 2024
HomeCronacaComincia la fase di "ascolto" per la politica culturale

Comincia la fase di “ascolto” per la politica culturale

SANT’ANASTASIA – “Non vogliamo far cultura erogando contributi a pioggia, seppur di fronte a manifestazioni importanti, perché abbiamo il dovere di tener conto delle esigue risorse di bilancio”.
E’ con questo obiettivo che Luigi De Simone (nella foto), delegato alla cultura della giunta del sindaco Carmine Pone, ha indetto, per martedì 2 ottobre, un incontro tra ex assessori e associazioni del territorio.


Nella sala consiliare di palazzo Siano, alle ore 17, saranno presenti Franco Corcione, Marinella Muro, Damiano Mario, Abete Giovanni, Pasquale Lubrano, Simone Ceglia, Ines Barone, Raffaele Mollo, in qualità di assessori delle passate amministrazioni, per interrogarsi sul tema “Quale cultura oggi per il nostro paese”.

L’idea di De Simone è di mettere in campo una fase di “ascolto” con l’intento di far venire alla luce indirizzi e suggerimenti per il futuro. “E’ un’idea che va nel senso della democrazia partecipata -dichiara- Vogliamo dare un senso alla continuità amministrativa e ciò spiega l’invito a persone che hanno gestito il settore in questi anni, a contatto diretto con le realtà vive e attive della nostra città. Potrebbe essere molto produttivo -prosegue De Simone- trovare insieme a loro e alle associazioni delle sinergie che, partendo dal recupero delle radici della nostra comunità, riescono a dare un’impronta culturale seria”.

Anna Maria Romano

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche