lunedì 26 Luglio 2021
HomeCronacaCommando armato a Casalnuovo: in sei per rapinare lo scooter ad un...

Commando armato a Casalnuovo: in sei per rapinare lo scooter ad un 30enne

CASALNUOVO. Commando armato: in sei per rapinare lo scooter ad un 30enne. Via Nazionale delle Puglie: arteria lunga – attraversa e unisce senza soluzione di continuità i territori di Casalnuovo, Pomigliano d’Arco toccando anche la vicina Volla – una strada di periferia sulla quale viaggiano automobilisti diretti fino al quartiere napoletano di Poggioreale. Qui finisce via Nazionale delle Puglie.

Lungo via Nazionale delle Puglie – sul tratto di Casalnuovo – si è consumata l’ennesima rapina. Un’estorsione armata messa a segno addirittura in sei. Sei balordi contro uno. Non solo. La giovane vittima – un 30enne del luogo – si è trovato contro anche un’arma: una pistola. Vera o scenica è irrilevante: è vera in quel momento: “Scendi se non vuoi farti male”, hanno riso i sei delinquenti.

Il giovane che stava rientrando a casa – poco dopo le 19 dell’altro pomeriggio – d’un tratto si è visto accerchiato. Prima alle spalle poi, in pochi secondi, si è trovato accerchiato: tre scooter sui quali viaggiavano sei balordi. Uno solo di loro ha tirato fuori la pistola, coperto dagli amici – i complici della rapina – e ha intimato al giovane, a bordo di una Honda H300, di fare poche storie e consegnare il mezzo. Il 30enne ha avuto poche scelte: i rapinatori erano in sei e supportati da un’arma. La vittima, dunque, costretta ad accostare, ha fermato il suo scooter sul quale è immediatamente salito a bordo uno dei sei malviventi. Poi il commando ha proseguito la corsa lungo la sconfinata arteria di periferia, via Nazionale delle Puglie, cercando altre vittime. Il giovane rapinato ha poi sporto denuncia del fatto ai carabinieri della locale tenenza. Le indagini stanno cercando di fare luce sui sei delinquenti.

E un’altra rapina, appena qualche giorno prima si sarebbe consumata, invece, ai danni di un 70enne se quest’ultimo non si fosse ribellato. In quest’ultimo caso il colpo è stato eseguito col metodo del cosiddetto “filo di banca”. In pratica la vittima attenzionata agli sportelli – uffici postali o banche – viene poi segnalata all’esterno ai complici che seguono il malcapitato fino ad un luogo lontano da occhi indiscreti per rapinarlo. Così è stato per l’anziano qualche giorno fa. Questi aveva prelevato la somma di 1.600 euro presso l’ufficio postale in via Grimaldi, giunto in seguito sul corso Umberto I è stato avvicinato da uno sconosciuto – il rapinatore a bordo di uno scooter era armato – il volto coperto dal casco integrale. In breve in un luogo appartato gli ha mostrato la pistola e intimato di consegnargli i soldi prelevati poco prima. L’anziano però non ha voluto cedere reagendo energicamente al delinquente. Questi, forse anche non attrarre l’attenzione delle persone sul corso a quel punto ha desistito dileguandosi in alcune traverse. Il 70enne per avendo sventato il colpo ha sporto denuncia della rapina ai militari della locale tenenza che stanno verificando anche alcuni filmati ripresi dalle telecamere del sistema di videosorveglianza.

di Patrizia Panico

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti