lunedì 4 Marzo 2024
HomeCronacaConsegna la pizza in caserma fumando spinello, multa e ritiro della patente

Consegna la pizza in caserma fumando spinello, multa e ritiro della patente

Sembra una barzelletta, eppure è accaduto davvero nel quartiere napoletano di Pianura. Un giovane rider ha consegnato la pizza in una caserma dei carabinieri fumando marijuana: per lui multa e ritiro della patente.

Alcuni carabinieri liberi dal servizio, tutti residenti nello stabile della Stazione di Pianura a Napoli, avevano deciso di ordinare una pizza.
Puntuale la consegna accompagnata da attimi di stupore. Il giovane rider di 22 anni, incaricato dalla pizzeria si è, infatti, presentato fumando un vistoso “spinello” Di marijuana. A quel punto è arrivata la contestazione da parte dei militari.
Il rider sapeva di dover consegnare in una stazione carabinieri, avrebbe dovuto immaginarsi le conseguenze e che sarebbe tornato a piedi in pizzeria.
Gli uomini dell’ Arma dopo aver pagato le pizze che avevano ordinato, lo hanno sanzionato per possesso di droga e gli hanno ritirato la patente.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche