venerdì 23 Aprile 2021
HomePoliticaCrisi dell'imprenditoria, Idv promuove tavola rotonda a Napoli

Crisi dell’imprenditoria, Idv promuove tavola rotonda a Napoli

NAPOLI. Crisi dell’imprenditoria, sabato 26 aprile Idv promuove tavola rotonda a Napoli. Intervengono il sindaco Luigi de Magistris, il segretario regionale Nello Di Nardo e il segretario nazionale Ignazio Messina.

“La crisi dell’imprenditoria: c’era una volta la grande impresa italiana: il caso FIAT”. Questo il titolo dell’evento che Italia dei Valori ha programmato per sabato 26 aprile a Napoli alle ore 16:30. Ad aprire l’evento il sindaco Luigi de Magistris ed il Segretario IdV Campania Nello Di Nardo, a seguire gli interventi di Alberto Bagnai professore di Politica Economica presso l’Università di Chieti Pescara, Adriano Giannola Presidente SVIMEZ, Giuseppe Bortolussi Presidente CGIA Mestre, Alessandro Lelli Responsabile del Laboratorio Economia di IDV e professore di Marketing presso l’Università di Bologna e Giovanni Esposito autore del libro “C’era una volta l’auto italiana. Da Leonardo da Vinci a Sergio Marchionne”, conclude l’incontro il Segretario Nazionale dell’Italia dei Valori Ignazio Messina.

“Il caso FIAT – dichiara Messina – è l’emblema di una politica industriale in Italia oramai da reinventare. Siamo passati dalla grande industria e dal boom economico ad intere aree un tempo simbolo della produzione migliore dove ora troviamo soltanto desolazione.  Da anni diminuiscono i posti di lavoro nel manifatturiero, da anni l’industria non crea posti di lavoro, da anni sceglie di delocalizzare ad un costo del lavoro più basso lasciando a casa migliaia di lavoratori e spianando la strada ad una concorrenza sleale dove a farne le spese è la nostra economia. Si tratta a questo punto di capire come favorire la nascita e lo sviluppo di nuove imprese. perché secondo noi le imprese sono il vero antidoto alla crisi. Non basta però puntare sulle start up innovative se poi in Italia continuano a non esserci le condizioni favorevoli perché le imprese possano svilupparsi e generare occupazione. Per offrire un futuro alle giovani generazioni occorre sicuramente facilitare la creazione d’impresa ma è anche indispensabile dare segnali concreti alle imprese già esistenti e assicurare la continuità e la solidità del nostro tessuto produttivo”. “Una perdita del 25% della produzione industriale e della competitività sono le preoccupanti conseguenze di un settore industriale in grave crisi mentre sta crescendo una guerra tra poveri che si gioca sull’abbassamento dei salari e dello stato sociale.” – Aggiunge Alessandro Lelli Responsabile Laboratorio Economia IDV. “Analizzare la  crisi dell’imprenditoria italiana significa capire quello che gli imprenditori avrebbero dovuto fare negli ultimi 20 anni e che non hanno fatto ed indagare anche sulla relazione che ci può essere tra questa situazione e la politica della UE, moneta unica inclusa. Stiamo perdendo tutti i settori di base (chimica, siderurgia, etc) e tantissimi fiori all’occhiello in tantissimi settori, dalle  motociclette alle automobili, dalla moda all’agroalimentare, dalla telefonia  all’elettronica, così le aziende chiudono e vengono acquistate da grandi gruppi internazionali che le rilanciano con successo mentre la nostra economia muore”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti