sabato 3 Dicembre 2022
HomeCronacaCucciolo di 6 mesi malnutrito, sporco e rinchiuso in un box, denunciata...

Cucciolo di 6 mesi malnutrito, sporco e rinchiuso in un box, denunciata una donna

SANT’ANTIMO. Maltrattamento animali, un cucciolo di razza pincher di 6 mesi era rinchiuso in un box mal nutrito, tra pulci e insetti. La polizia locale denuncia una donna.

Da diversi giorni dei cittadini avevano segnalato alle guardie zoofile e alla polizia locale la presenza di un cane chiuso all’interno di una baracca composta da lamiere. L’intervento in una zona periferica del territorio, ha consentito agli agenti del comando, diretti dal Maggiore Chiariello, e alle guardie zoofile di dell’associazione Agri Ambiente, in persona del dott. Costa e sig.ra Ippolito, di accertare che in un’area sterrata di circa trecento metri quadri, antistante un fabbricato, vi era rinchiuso un cucciolo di cane, razza pincher, che abbaiava continuamente.  All’atto dell’intervento, si è riusciti ad aprire il box e subito all’interno una scena raccapricciante. Una temperatura di circa 45 gradi, a seguito del caldo torrido di questi giorni, e un cane di razza pincher, di circa sei mesi, mal nutrito, tra escrementi di animali, pulci e insetti. L’animale, privo di microchip, è stato subito prelevato e il proprietario, un cittadino santantimese, è stato denunciato alla magistratura per il reato di maltrattamento di animali, fattispecie punita dall’articolo 544 ter del codice penale nell’ambito dei delitti contro il sentimento degli animali. Ora rischia una seria condanna che va da tre mesi a un anno o con la multa da 3mila a 15mila euro. Inflitte sanzioni amministrative per mancanza di microchip. Sull’animale, sequestrato e dato in affidamento a canile convenzionato, è stata effettuata visita medica da parte del personale sanitario dell’ASL. Dall’inizio dell’estate il personale della polizia locale conta di circa 12 animali controllati e sanzionati per mancanza di microchip.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti