giovedì 29 Luglio 2021
HomeCronacaInseguimento sulla Statale 268, tre carabinieri feriti FOTO

Inseguimento sulla Statale 268, tre carabinieri feriti FOTO

Di Gabriella Bellini e Patrizia Panico

SOMMA VESUVIANA. La moto non si ferma all’alt dei carabinieri forzando il posto di blocco è partito così l’inseguimento del centauro. Una corsa folle della moto da Napoli a Somma Vesuviana e, infine, l’incidente. L’auto dei militari del Cio di Napoli, per evitare un mezzo all’incrocio, è finita fuori strada. Tre carabinieri feriti, non gravi, ricoverati negli ospedali di Nola e Napoli.

Tutto sarebbe iniziato a Napoli, ma le indagini sull’intera vicenda sono tutt’ora in corso per accertare la dinamica dei fatti. Ad un posto di blocco in via Camillo De Meis di una pattuglia  del Cio (Compagnia Intervento Operativo), un centauro alla vista dei militari invece di fermarsi all’alt ha sfondato la barriera dei militari per fuggire. E’ partito subito l’inseguimento dei carabinieri per raggiungere l’uomo a bordo della moto che alla loro vista si è dato alla fuga. Il centauro ha imboccato la statale, prima la 162 poi la 268, nel Comune di Somma Vesuviana (ai confini con Scisciano) infine l’incidente. L’auto dei militari dell’arma è finita fuori strada, un impatto per evitare un altro mezzo sopraggiunto all’improvviso da un incrocio. L’auto dei carabinieri si è schiantata contro un muro, tre i feriti, tutti militari coinvolti. Sul posto oltre alle diverse pattuglie dei carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna, della Stazione di Somma sono accorse diverse ambulanze. I militari sono stati portati due al pronto soccorso del Santa Maria della Pietà di Nola e uno all’ospedale Loreto Mare di Napoli. Per fortuna non sono gravi, hanno però riportato diverse fratture. Sul posto sono in corso ancora le indagini dei carabinieri del Cio di Napoli e della Compagnia di Castello di Cisterna che nel frattempo hanno trovato la moto abbandonata in un viottolo di campagna.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti