lunedì 4 Marzo 2024
HomePoliticaListe d’attesa, Ciarambino: «Si sostituiscano i direttori generali che non le riducono»

Liste d’attesa, Ciarambino: «Si sostituiscano i direttori generali che non le riducono»

Napoli. «La recente parifica del bilancio regionale 2022 da parte della Corte dei conti, se da un lato ha certificato la fine di un’epoca da profondo rosso per la sanità campana, ha pure riportato all’attenzione una serie di criticità che io stessa ho segnalato in numerosi atti: troppa disparità nelle prestazioni erogate tra pubblico e privato, obiettivi di abbattimento delle liste d’attesa non raggiunti dai direttori generali. Eppure basterebbe attuare quanto la stessa Regione Campania ha previsto nel Piano per il governo delle liste d’attesa – afferma Valeria Ciarambino, consigliere del Gruppo Misto e Vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, firmataria di una mozione sul tema – Basta farsi un giro negli ambulatori pubblici magari nel primo pomeriggio. Io l’ho fatto e lo scenario è desolante: a fronte di agende piene, gli ambulatori sono spesso vuoti – continua Ciarambino – Si dovevano pubblicizzare le attività dei laboratori nei distretti sanitari, che sono stati potenziati e aperti anche al sabato, al fine di consentire all’utenza di rivolgersi al settore pubblico: a Salerno sono stati affissi manifesti per le strade, perché ciò non è stato fatto anche nelle altre Asl? Mi chiedo ancora: perché le Asl non danno vita al cosiddetto recall dell’utenza in modo da “tagliare” le prenotazioni di specialistica ambulatoriale che non sono più reali e accorciare le liste d’attesa, fino a richiedere il pagamento del ticket per le visite non più effettuate se non è stata disdetta la prenotazione? Si tratta di proposte di buon senso che ho inserito in una mia mozione calendarizzata nel Consiglio di oggi, che non si è potuta discutere perché la maggioranza ha fatto cadere il numero legale – fa sapere Ciarambino – La battaglia per una più equa ripartizione delle risorse sanitarie a livello nazionale è sacrosanta e la condivido, ma accanto a questa serve un monitoraggio serrato dell’efficacia organizzativa dell’offerta pubblica e del rispetto degli impegni assunti dai direttori generali, a cui il presidente De Luca ha voluto assegnare come obiettivo prioritario proprio la riduzione delle liste d’attesa. E chi non li rispetta va sostituito» ha concluso Ciarambino.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche