mercoledì 28 Settembre 2022
HomeCultura e SpettacoliUn’Ucronìa, l’opera di Sergio Mario Ottaiano alla Feltinelli di Pomigliano

Un’Ucronìa, l’opera di Sergio Mario Ottaiano alla Feltinelli di Pomigliano

POMIGLIANO D’ARCO –  Oggi, venerdì 6 giugno, presso la sala convegni de La Distilleria – Feltrinelli Point di Pomigliano d’Arco, in via Roma 281, alle ore 18,00, sarà presentato il romanzo d’esordio del giovane autore mariglianese, Sergio Mario Ottaiano, dedicato ai “se” della vita.

Il libro, edito da Genesi, narra la storia di un uomo senza volto e senza nome, rinchiuso in una stanza e costretto a fare i conti col proprio passato. Il protagonista intraprende un viaggio a ritroso nella sua vita attraverso il sogno e l’immaginazione, alla ricerca delle verità che racchiude in se stesso, per affrontare le proprie scelte, i propri rimorsi, le proprie ucronìe. Ucronìa è un termine derivante dal greco che vuol dire nessun tempo. Indica ciò che sarebbe potuto accadere se un fatto storico, un avvenimento importante e significativo, fosse andato diversamente. Ogni uomo, quotidianamente, vive quest’esperienza ripercorrendo con la mente i possibili risultati derivanti da una scelta alternativa, che siano essi positivi o negativi.Il “se” è ciò che caratterizza l’ucronìa ed è la congiunzione che induce l’uomo a riflettere e a pensare. Nella profondità del proprio animo ogni essere racchiude milioni di domande a cui spesso non riesce a dare una risposta e molte di queste iniziano proprio con un se: “se fossi stato…”, “se fossi andato…”, “se avessi scelto…”. Proprio questo particolare aspetto dell’esistenza viene esplorato nel suo libro da Sergio Mario Ottaiano, giovanissimo autore alla sua prima esperienza narrativa, ma già distintosi per i buoni risultati conseguiti in diversi concorsi letterari. Con Un’Ucronìa dà prova immediata del vasto entroterra culturale che si è formato alle spalle regalando al lettore una prova di scrittura decisamente riuscita, che si segnala per l’ardita costruzione innovativa di una tesi tanto nuova, quanto consapevole della tradizione da cui discende e, quindi, erudita e raffinata. Alla presentazione, organizzata e moderata dalla giornalista e scrittrice Filomena Carrella, prenderà parte oltre l’autore, anche il professor Franco Trifuoggi, saggista e critico letterario. Le conversazioni saranno intervallate dalla lettura di passi del romanzo a cura di Michele De Rosa e dalla chitarra suonata da Giovanni Calabrese. Durante e dopo la presentazione l’autore sarà disponibile per firmare copie del romanzo e per rispondere alle domande dei presenti.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti