giovedì 6 Ottobre 2022
HomePoliticaMarigliano."Chi vota Sorrentino vota Renzi" ed è polemica

Marigliano.”Chi vota Sorrentino vota Renzi” ed è polemica

MARIGLIANO –  “Chi vota Sorrentino vota Renzi” è ciò che si legge in un manifesto elettorale della coalizione di centrosinistra che ha suscitato la reazione dell’ onorevole Paolo Russo che, sul proprio profilo Facebook, ha espresso le sue considerazioni, commentate poi dal centro-sinistra.

“Leggo un esilarante manifesto del Pd di Marigliano: “Chi vota Sorrentino vota Renzi” – scrive l’onorevole Russo – ora, a parte l’aspetto grottesco e da commedia per chi conosce appena Sorrentino, mi pare uno schiaffo per il povero Renzi costretto a simili comparsate. Vi è un altro elemento da non sottovalutare e cioè che quel manifesto denota la debolezza del Pd e di quella coalizione: anche loro stessi sanno che da soli con quel candidato azzoppato non vanno da nessuna parte ed allora si appigliano alla “qualunque”. Chi vota Papa, invece, lo abbiamo ribadito stamane – afferma l’onorevole riferendosi alla manifestazione del 2 giugno in piazza – vota semplicemente Papa. Un sindaco che saprà far bene senza dover chiamare…..il Renzi di turno!”

L’aggettivo “azzoppato” ha suscitato la replica del Pd che trova “indecoroso e inaccettabile questo modo di alimentare il confronto politico”. Infatti – la coalizione di centrosinistra dichiara:” sentire dare dell’ ”azzoppato”, al candidato sindaco Sebastiano Sorrentino da un politico di lungo corso come l’onorevole Russo è la vera cosa “esilarante”. L’ onorevole Russo, che da venti anni a questa parte, pur avendo avuto posti di responsabilità rilevanti quale presidente della Commissione bicamerale ambiente e presidente della Commissione agricoltura, non ha fatto altro che “azzoppare” ogni decoro di questo territorio – continuando affermano – ha “azzoppato” tutti i meccanismi di gestione e di controllo democratico delle amministrazioni governate dal centro destra e delle agenzie di sviluppo locale, che hanno favorito solo i suoi amici portatori di interessi speculativi o corporativi. Ha “azzoppato” ogni progetto di sviluppo, rinunciando a fondi certi della Comunità europea (Polo florovivaistico), per poi prendere in giro la collettività con annunci di finanziamenti il cui utilizzo è subordinato alla presentazione di progetti e di piani di cui non si vede alcuna traccia. Ha “azzoppato” l’agricoltura producendo dossier che non hanno sortito alcun effetto nel controllo e nella salvaguardia reale del territorio. E’ “esilarante” la proposta dell’  Accademia della patata, a fronte della proposta del centro sinistra di promuovere la necessaria politica di tutela del prodotto con l’introduzione di un marchio di qualità nel rispetto delle direttive comunitarie. E’ “esilarante” ascoltare la vocazione alla green economy da parte di chi per venti anni, sotto i suoi occhi, ha lasciato subire a questo territorio le violenze più inaudite ed occultate all’opinione pubblica. E’ “esilarante” richiamare la vicenda delle cosiddette ecoballe, comunque disciplinata da atti pubblici e di natura non malavitosa, come esempio di mala politica in materia ambientale, sapendo benissimo che è solo l’ultima e forse la meno grave degli attacchi all’ambiente che l’onorevole Russo avrebbe dovuto e potuto contrastare dal ruolo di responsabilità che ha esercitato. E’ “esilarante” il suo proclama quando afferma che “chi vota Papa vota Papa”, certo che chi vota il “suo nominato candidato” consentirà di tenere in vita il metodo Russo che terrà imbrigliata la politica locale a favore dei soliti amici rieletti”. Continuano ancora prendendo ferma  posizione sulla questione “Carissimo onorevole Russo, il presidente del consiglio Renzi sa bene di essere rappresentato sul territorio da un Partito democratico vitale, plurale e democratico ed è consapevole che accostare il suo volto ad un candidato come Sebastiano Sorrentino  non è disdicevole perché Sorrentino non mette in campo i suoi interessi personali, ma l’affetto, l’amore e la conoscenza della città di Marigliano e soprattutto dei suoi concittadini. E questo non è “grottesco”, è una verità certificata dal consenso che ha raccolto Sebastiano Sorrentino in misura maggiore di quello riconosciuto alle liste che lo appoggiano. Il Pd e la sua comunità è tutta unita intorno a Sebastiano Sorrentino perché consapevole che egli tutelerà gli interessi della collettività e non delle corporazioni e dei gruppi speculativi tutti riconoscibili nel centrodestra. Sebastiano Sorrentino non ha un “uomo onorevole” alle spalle che lo guida e lo ispira, Sebastiano ha affianco un partito democratico ed una coalizione che saprà aiutarlo con serietà e consapevolezza nel delicato, ma esaltante compito del governo locale”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti