mercoledì 28 Febbraio 2024
HomeCronacaMinaccia la mamma col coltello e la picchia, 43enne di Pollena in...

Minaccia la mamma col coltello e la picchia, 43enne di Pollena in manette

CERCOLA. Un coltello puntato, calci e pugni per convincere la madre a consegnargli denaro. 43enne arrestato dai Carabinieri, tradito dal gioco d’azzardo

I Carabinieri della Tenenza di Cercola hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Nola su richiesta della locale Procura nei confronti di un 43enne di Pollena Trocchia già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo è gravemente indiziato dei reati di estorsione aggravata, rapina, lesioni personali, porto abusivo di una pistola e coltello, tutti commessi a danno della madre a partire dal mese di novembre

dello scorso anno.

Le indagini effettuate dai Carabinieri di Cercola coordinati dalla Procura di Nola hanno inizio dalla denuncia presentata dalla madre dell’arrestato a seguito delle continue richieste di denaro che lo stesso avrebbe perpetrato nei suoi confronti spesso culminate in violenza fisica con calci e pugni e minacce gravi. Quest’ultimo, assiduo giocatore d’azzardo e abituale assuntore di stupefacenti, avrebbe in più occasioni minacciato l’anziana vittima di consegnargli denaro utilizzando come strumento di persuasione un coltello. La donna oramai esasperata e intimorita, era costretta a rifugiarsi presso la sorella per sfuggire alle continue richieste estorsive del figlio, che nell’ultimo periodo avrebbe preso a girare armato di una pistola a tamburo.

Si rivolgeva quindi ai Carabinieri di Cercola che riuscivano prontamente a raccogliere plurimi indizi di colpevolezza nei confronti dell’uomo.

Quest’ultimo dal canto suo, avendo percepito la possibilità che venisse arrestato, si rendeva irreperibile fino a quando veniva tradito proprio dalla sua dipendenza dal gioco d’azzardo: infatti i militari della Tenenza, restringendo il campo su possibili luoghi dove lo stesso potesse dimorare, rivolgevano la propria attenzione ad un hotel della zona di Poggioreale situato proprio nei pressi di una sala giochi. Il blitz di stamattina dava ragione agli investigatori che trovavano il 43enne in una camera di quell’albergo, con la compiacenza del titolare della struttura.

L’odierno indagato è stato trasferito in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Il titolare del hotel veniva denunciato a piede libero per aver favorito la permanenza del ricercato.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche