venerdì 24 Maggio 2024
HomeCronacaMuore stritolato al lavoro operaio di Sant'Anastasia

Muore stritolato al lavoro operaio di Sant’Anastasia

SANT’ANASTASIA. L’ennesima morte sul lavoro strappa un padre affettuoso alla sua famiglia. A Passirano nel Bresciano, Aniello De Luca, 47 anni, di Sant’Anastasia, si era trasferito da anni con la famiglia a Cazzago San Martino.

E’ morto ieri mattina un’ora dopo aver cominciato il suo turno di lavoro restando dilaniato dalle lame di un silos per mangimi animali nell’azienda in cui lavorava. Ancora da chiarire le dinamiche dell’incidente. De Luca si occupava della manutenzione e della pulizia dei contenitori di mangimi e cereali, un’operazione di routine. A lanciare l’allarme sono stati i colleghi che si sono insospettiti per la sua lunga assenza e sono stati loro a trovarlo ormai senza vita nel silos. Resta da stabilire se sia caduto nel contenitore per la miscelazione dei mangimi per un malore oppure per le esalazioni provenienti dal mangime. Così come i carabinieri che indagano sul drammatico incidente dovranno stabilire perchè le lame del macchinario di miscelazione fosse in azione.
De Luca, originario di Sant’Anastasia, per alcuni anni aveva lavorato anche a Somma presso il bar Masulli, che ne ha ricordato con un commovente post su Facebook la scomparsa e sommese era la moglie Maria e molti amici e parenti che oggi lo ricordano come affetto. “un papa meraviglioso e un marito buono”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche