sabato 1 Ottobre 2022
HomePoliticaMuseo Cesare Lombroso, Patriciello (Fi): Offende i valori dell'Ue

Museo Cesare Lombroso, Patriciello (Fi): Offende i valori dell’Ue

Museo di Antropologia Criminale  Cesare Lombroso. Patriciello: “Un’offesa ai principi e ai valori dell’Unione Europea”.

“Non posso credere che nel 2014, nel nostro Paese, vi siano ancora luoghi in cui si possano propagandare idee, metodiche di lavoro e teorie che la storia e la scienza hanno fortunatamente dimostrato essere prive di alcuna valenza storica e scientifica. La storia italiana ed europea del secolo scorso dovrebbe averci messo in guardia sulla pericolosità di alcune idee che, basandosi su preconcetti razziali e discriminatori, hanno rappresentato la base ideologica delle atrocità commesse sul suolo europeo.

È triste e per certi versi sconcertante constatare come in Italia, uno dei Paesi fondatori dell’Unione europea, vi sia un Museo dove vengono esposti al pubblico teschi di persone i cui resti vengono reclamati dai familiari  e da numerosi comitati cittadini. Il nostro Paese, già duramente colpito da una crisi economica e sociale senza precedenti, non ha bisogno di ulteriori elementi di divisione. Il “razzismo scientifico” e antimeridionale del Museo Lombroso è invece motivo di grande inquietudine per molti cittadini italiani che vedono nella sua istituzione il prolungamento ideologico di concetti ed idee inconciliabili con i valori italiani ed europei di rispetto e di non discriminazione.
Ho deciso dunque di sottoscrivere la petizione del comitato scientifico di Milano “No Lombroso” per la chiusura del Museo, decidendo allo stesso tempo di presentare un’interrogazione parlamentare alla Commissione europea poiché ritengo che questa situazione sia un’offesa ai principi e ai valori di tutta l’Unione”.

Così l’On. Patriciello annuncia il suo appoggio alla campagna per la chiusura del Museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti