giovedì 6 Ottobre 2022
HomeCultura e SpettacoliTeatro. In scena il "Dialogo tra Caravaggio e Michelangelo" di De Luca

Teatro. In scena il “Dialogo tra Caravaggio e Michelangelo” di De Luca

NAPOLI –  Sabato 24 e domenica 25 maggio alle ore 11,  nella chiesa del Pio Monte della Misericordia (via dei Tribunali 253 ), andrà in scena il ” Dialogo tra Caravaggio e Michelangelo ” scritto da Vincenzo De Luca. Il dramma in atto sarà interpretato da Gigi Savoia nel ruolo di Michelangelo Merisi da Caravaggio, Renato De Rienzo nelle vesti di Michelangelo Buonarroti e Benedetta Imperatore sarà Vittoria Colonna.  Il corpo di ballo con coreografie sono a cura di Francesco Imperatore.

Lo spettacolo “Dialogo tra Caravaggio e Michelangelo” chiude la trilogia di Vincenzo De Luca dedicata al pittore lombardo, dopo le messe in scena degli spettacoli “Le sette opere di Caravaggio assassino” e “L’allieva di Artemisia”.

“È un dato di fatto che le vicende umane di Caravaggio, pittore tenuto in enorme considerazione già nel corso della sua esistenza, siano a tratti poco chiare – spiegano –  come se l’uomo Caravaggio, ‘uomo di spada’, si eclissasse alla società, entrando in un cono d’ombra nel quale trascina l’altra metà di se stesso, ‘uomo di pennello’. Fino alla fine dei suoi giorni. In quale luogo e come sia morto, per malattia o per mano nemica… davvero a Porto Ercole dove, se si dà credito a quanto riferisce Giovanni Baglione, come disperato andava per quella spiaggia sotto la sferza del sol leone a veder, se poteva in mare ravvisare il vascello, che le sue robe portava fino a che, preso da febbre maligna […] senza aiuto umano tra pochi giorni morì malamente, come appunto male havea vivuto, oppure nei pressi di Roma, a Palo (sempre in prossimità del mare), dove era stato trattenuto (e per quali motivi?) in prigione? Davvero per malaria, o addirittura assassinato? E per conto di chi… i cavalieri di Malta forse? O per vendicare l’omicidio a Ranuccio Tomassoni? “.

Lo spettacolo teatrale  indaga nelle ultime ore di vita del pittore lombardo:” su una spiaggia, solo e disperato, pretesto per analizzare alcuni aspetti della sua pittura, facendogli rivivere, come in un ideale riavvolgimento del nastro della propria esistenza, alcuni passaggi importanti “. ” Dunque – spiegano gli organizzatori –  si trova in un luogo che non conosce, probabilmente è febbricitante, senza protezioni perché non ha pennelli né tele e ai potenti interessava il pittore e non l’uomo… e si lascia accompagnare dai ricordi. In preda al delirio finale, figurandosi davanti la sua tela della Deposizione di Cristo, conservata nella Pinacoteca vaticana (dove nei panni di Nicodemo ha dipinto Michelangelo), si materializza in scena proprio lo scultore della Pietà, e prende corpo un dialogo tra i due Michelangelo (il Buonarroti e il Caravaggio), geni estremi dell’arte di ogni tempo, chi ha chiuso la superba stagione rinascimentale e chi apre l’età moderna” . Dialogo assurdo, impossibile… che a fine spettacolo può intendersi anche come monologo di Caravaggio che dialoga con la propria coscienza:  “nel dialogo si dipanano due modi insieme diversi e similari di intendere l’arte, in un confronto che recupera di entrambi l’aspetto meno pubblico, più intimo, scavando ognuno negli incontri dei loro anni, fino all’ infanzia. In questo percorso a ritroso risulta fondamentale la figura in entrambi della madre, al punto che il come le loro opere sono state realizzate si può capire (e giustificare) proprio partendo dai rapporti che con la loro genitrice hanno (o non hanno) avuto. Così come anche le altre scelte nelle loro vite sono figlie dei rapporti che hanno vissuto con la propria madre”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti