giovedì 28 Gennaio 2021
Home Appuntamenti Napoli Teatro Festival,  Tur for’ ‘e vasc nel Rione Sanità

Napoli Teatro Festival,  Tur for’ ‘e vasc nel Rione Sanità

NAPOLI. Napoli Teatro Festival Italia. Domani 24 luglio, al via per la sezione Progetti Speciali i Tur for’ ‘e vasc nel Rione Sanità; Renato Carpentieri e gli allievi della Scuola del Teatro Stabile di Napoli in scena al Maschio Angioino con Pastiche – N° 0 di PASS/SAGGI rivista di teatro dal vivo; per la sezione Osservatorio, in prima assoluta Luminator Bernocchi di Alberto Mele e Marco Montecatino; per la Letteratura, ospiti i poeti e autori teatrali Claudio Damiani, Igor Esposito, Vincenzo Frungillo in omaggio all’archeologo Amedeo Maiuri.

 Domani, venerdì 24 luglio, proseguono gli appuntamenti della tredicesima edizione del Napoli Teatro Festival Italia, diretta da Ruggero Cappuccio, realizzata con il sostegno della Regione Campania e organizzata dalla Fondazione Campania dei Festival, presieduta da Alessandro Barbano.

- Advertisement -

Alle 20.00 (e in replica alle 20.45 e alle 21.30) un’immersione teatrale in uno dei quartieri più caratteristici della città partenopea, il Rione Sanità: partenza dalla Piazzetta San Severo a Capodimonte per un Tur for’ ‘e vasc, spettacolo site-specific e itinerante, programmato nella sezione Progetti Speciali del Festival (repliche il 25 e il 26 luglio). Guidati dagli “accompagna-tur” – Mario Ascione, Mariano Coletti, Alessio Galati, Gaetano Migliaccio – gli spettatori andranno alla scoperta di quel che accade sull’uscio di tre bassi del Rione Sanità, nei cortili palcoscenici della realtà e della messa in scena. Il progetto è ideato da Carlo Gertrude, e da lui diretto con l’aiuto di Gaetano Migliaccio. I testi rappresentati sono La Bolletta di Mario Gelardi, interpretato da Laura Borrelli e Luciano Saltarelli,‘O spusalizi di Noemi Giulia Fabiano, con Agostino Chiummariello e Anna De Stefano, e Vendesi di Marina Cioppa, con Lalla Esposito e Gennaro Maresca. «Ho ideato questo format – spiega Carlo Geltrude – per creare una connessione tra la vita quotidiana del Rione Sanità, i suoi abitanti e il teatro, quello contemporaneo e quello classico, che riesce ancora a parlarci».

Ancora per la sezione Progetti Speciali, debutta alle 21.00 nel Cortile del Maschio Angioino Pastiche – N° 0 di PASS/SAGGI rivista di teatro dal vivo a cura di Renato Carpentieri Claudio Di Palmacon gli allievi della Scuola del Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale, in coproduzione con Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia. Lo spettacolo (in replica il 25 e il 26 luglio) vedrà in scena gli allievi Pasquale Aprile, Francesca Cercola, Chiara Cucca, Miriam Della Corte, Matteo De Luca, Valentina Di Leva, Manuel Di Martino, Enrico Disegni, Antonio Elia, Giulia Ercolini, Eleonora Fardella, Angelica Greco, Valentina Martiniello, Simone Miglietta, Gianluigi Montagnaro, Giovanni Nardone, Giulia Piscitelli, Federico Siano, Salvatore Testa e Antonio Turco. «Uno gliommero in cui si intrecciano e si agitano frammenti del Teatro del ’900, in forma di Rivista, ad uso degli allievi: una linea di ricerca che vuole privilegiare la forma breve e quindi la sobrietà e la leggerezza, in un singolare montaggio», sottolinea Renato Carpentieri.

Per la sezione Osservatorio, alle 21.00 nel Giardino Romantico di Palazzo Reale debutta Luminator Bernocchi, scritto e diretto da Alberto Mele e Marco Montecatino, con musiche originali di Gino Giovannelli. Cecilia Lupoli e Marco Montecatino interpretano la storia d’amore di una coppia sposata da sette anni. X e Y si sono conosciuti poco più che ventenni grazie a un rocambolesco incontro. X ha inventato un diverso tipo di tastiera da computer che, dopo un iniziale fallimento, gli ha concesso un forte ritorno economico, permettendo ai giovani sposi una certa stabilità. X è in attesa di un’altra idea geniale, mentre Y si divide fra il suo lavoro di infermiera e la famiglia, che si è costruita lontana dalle pressioni dei suoi genitori. Dopo essersi trovati ad affrontare una sorta di incubo, hanno cominciato a perdersi restando insieme, costringendosi a fare i conti anche con i demoni dell’altro.

Appuntamento alle 19.00 presso il Casino della Regina del Real Bosco di Capodimonte (ingresso da Porta Miano) con la sezione Letteratura del Festival intitolata Prima, a cura di Silvio Perrella, e un nuovo incontro, dedicato questa volta al rapporto tra poesia e archeologia: Nel nome di Amedeo Maiuri. Ospiti i poeti Claudio DamianiIgor Esposito e Vincenzo Frungillo. Nel sottosuolo del mondo sogna il passato. Chi meglio di Amedeo Maiuri ha saputo decifrarne l’alfabeto? Il sapere archeologico in lui si è sposato indissolubilmente alla poesia antica. Maiuri sarà pertanto messo a confronto con i poeti di oggi che sanno guardare a quelli che sono esistiti prima di loro con sapienza acustica e psichica.

Sul sito napoliteatrofestival.it sono consultabili le promozioni e gli eventi gratuiti.  

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

- Advertisment -