mercoledì 22 Maggio 2024
HomeAttualità“Io non pago il pizzo”: al via a Nola la campagna antiracket

“Io non pago il pizzo”: al via a Nola la campagna antiracket

NOLA. “L’estorsione e l’usura si combattono sconfiggendo la paura. Occorre avere coraggio e denunciare i propri carnefici.

Le campagne educative e di diffusione della cultura della legalità possono aiutare a far raggiungere la consapevolezza che, essendo in tanti, la paura non ha più ragione di esistere”: così questa mattina il procuratore della Repubblica di Nola, Paolo Mancuso, partecipando alla conferenza di presentazione della campagna antiusura ed antiracket promossa dall’associazione A.L.I.L.A.C.C.O con l’amministrazione comunale di Nola guidata dal sindaco Geremia Biancardi.
Tra le attività annunciate dal presidente dell’associazione Amleto Frosi, l’attivazione di uno sportello antiracket che – come ha spiegato il sindaco Geremia Biancardi – sarà ospitato nella biblioteca comunale di corso Tommaso Vitale. “La priorità – ha sottolineato il commissario antiusura ed antiracket della regione Campania, Franco Malvano – dovrà essere quella di far in modo che i cittadini non si sentano abbandonati ed è per questo che bisognerà lavorare per creare una vera e propria rete sul territorio che rafforzi la fiducia delle vittime nelle istituzioni e nelle associazioni che combattono questa piaga sociale”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche