lunedì 24 Giugno 2024
HomeCronaca"Non ti muovere o ti uccido" e via con migliaia di euro,...

“Non ti muovere o ti uccido” e via con migliaia di euro, rapinatori bloccati dai carabinieri

SAVIANO. “Non ti muovere o ti uccido, non ti muovere o ti sparo”, con il volto coperto da un passamontagna e armati di pistole, spranghe di ferro, un fucile e un coltello, erano riusciti a mettere a segno otto colpi in meno di 20 giorni. Agivano in modo violento e deciso i tre giovani rapinatori scoperti ed arrestati dai carabinieri di Saviano a seguito di attente indagini partite dopo il primo colpo effettuato in un supermercato di Saviano il 7 marzo 2022 , poi hanno agito in distributori di benzina, supermercati, negozi di abbigliamento, tabacchi, bar a Camposano, San Gennaro Vesuviano, Pomigliano d’Arco, Casamarciano, Marigliano, Pollena Trocchia e Ottaviano.
I militari della Compagnia di Nola hanno eseguito ieri un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Nola su richiesta della locale procura. Nei confronti di Francesco Tusa e Vincenzo Schiavariello (già detenuto per altra causa) entrambi 34 anni e originari di Mariglianella e Gennaro Salinas 25enne di Castello di Cisterna. Sono tutti ritenuti, a vario titolo, gravemente indiziati di concorso in rapina e lesioni aggravate.

Le indagini sono partite dai carabinieri della Stazione di Saviano (agli ordini del maresciallo maggiore Michele Fusco), coordinati sempre dalla Procura della Repubblica di Nola, dopo la rapina compiuta in un supermercato di via Torre. Da quel momento gli uomini dell’ Arma hanno documentato il coinvolgimento dei 3 indagati in almeno 8 colpi simili, commessi ai danni di diverse attività commerciali fino al 26 marzo. In quella data i tre agirono nel molto più cruento, entrando in azione in un distributore di carburanti ad Ottaviano, i tre ferirono gravemente uno dei dipendenti, colpendolo ripetutamente anche alla testa con una mazza di ferro causandogli un trauma cranico e un trauma conclusivo alla mano e al polso sinistro. “Abbiamo eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal tribunale di Nola, su richiesta della locale procura”, ha spiegato il capitano Gerardo De Siena, comandante della Compagnia dei carabinieri di Nola, “nei confronti di tre soggetti gravemente indiziati di rapina aggravata e lesioni aggravate, le indagini sono state svolte dalla Stazione carabinieri di Saviano è stato anche possibile rinvenire parte della refurtiva che è stata restituita ai legittimi proprietari”. Un lavoro certosino, quello svolto dai militari del maresciallo Fusco, che ha permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti dei tre giovani pregiudicati che erano diventati l’incubo degli esercenti del nolano-vesuviano.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti

Rubriche