Home Scuola Ottaviano: la dirigente dell’I.C. ” Mimmo Beneventano” investe e progetta

Ottaviano: la dirigente dell’I.C. ” Mimmo Beneventano” investe e progetta

E’tempo di open day, di bilanci, di presentazione del programma annuale presso le scuole di ogni ordine e grado! Esordisce così la Dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Mimmo Beneventano di Ottaviano (Na), Anna Fornaro che ha tanto a cuore gli utenti della sua scuola e che, nell’analizzare i ragazzi di oggi, ritiene che essi siano coinvolti in tante sollecitazioni in senso formativo ma nello stesso tempo attratti da varie distrazioni, fantasmi, chimere.

Il disorientamento – aggiunge- è stato causato dal periodo pandemico che, se da un lato ha spronato l’innovazione metodologica e le abilità digitali della classe -docente , dall’altro  lato  ha fatto emergere l’emotività , le insicurezza e ha depresso la socialità degli alunni. Certo si intravedono nuove articolazioni, dimensionamenti scolastici, una formazione più incisiva dei docenti soprattutto dal punto di vista pratico-metodologico della didattica e alle famiglie la Dirigente Fornaro lancia questo appello: ‘’Date fiducia ai figli, perché sanno sorprenderci; dovete ascoltarli, condividere con loro del tempo, lasciateli sperimentare  e soprattutto lasciate che essi curiosino all’interno della cultura’’.

A tal proposito e a favore delle vocazioni musicali, la Dirigente ha comunicato la trasformazione dell’indirizzo musicale dell’Istituto Comprensivo Beneventano in ‘’percorso’’ ad indirizzo musicale. Un’ innovazione che vede cooperare una rete di scuole   nel decretare l’ammissione dei ragazzi e la possibilità di  seguire le lezioni dello strumento musicale assegnato, in base alle proprie inclinazioni e caratteristiche fisiche,  in una delle scuole consorziate. Questa è una scommessa sulla musica anche se in Italia, benchè sia un paese vocato alle arti, non sempre c’è la remunerazione giusta di quanti operano nel settore.

Le perplessità della Dirigente riguardano, invece, il PNRR ovvero il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, istituito attraverso il decreto-legge n. 59 del 6 maggio 2021, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 101 del 1 luglio 2021.

Il Piano prevede un pacchetto di investimenti e riforme articolato in sei missioni e promuove un’ambiziosa agenda di riforme.  In attesa delle risorse utili per elaborare e portare avanti alcune responsabilità con persone specializzate soprattutto per l’inclusione, la dirigente dichiara che sono necessari l’osservazione, il controllo, il monitoraggio. Il Niv (Nucleo Interno di valutazione di ogni Istituto) dovrebbe essere affiancato e tutorato in tale compito da un organismo indipendente di controllo e di monitoraggio, da esperti nell’ambito giuridico, economico, socioassistenziale, della ricerca e della sperimentazione.

La gestione dei finanziamenti si baserà sulle priorità, in particolare ‘’sull’inclusione che non è passiva accettazione del contesto ma opportunità di fare la propria parte, promuovendo la percezione dei talenti, cercando le vocazioni. Per questo la scuola deve dotarsi di figure altamente specializzate, non improvvisate: di assistenti alla comunicazione, educatori, psicologi, che devono non solo affiancare gli alunni con bisogni educativi speciali ma chiunque possa rivelare dei bisogni particolari. E’ necessario guardare in modo nuovo, co-costruendo per i giovani che dovranno agire nel Mondo’’.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Nessun commento