mercoledì 22 Maggio 2024
HomePoliticaPomigliano d’Arco aderisce alla Convenzione Onu per le persone con disabilità

Pomigliano d’Arco aderisce alla Convenzione Onu per le persone con disabilità

POMIGLIANO D’ARCO. Il Comune di Pomigliano d’Arco aderisce alla Convenzione Onu per le persone con disabilità. L’assessore Mattia De Cicco (politiche sociali): «La Convenzione sancisce il passaggio a un nuovo approccio culturale verso la disabilità».

Il Comune di Pomigliano d’Arco, con delibera di giunta n.149 del 26 novembre 2015, ha aderito su proposta dell’assessore Mattia De Cicco (politiche sociali) alla Convenzione Onu per le persone con disabilità. Un’adesione spontanea, decisa, voluta pur senza che nessuna richiesta delle associazioni di categoria fosse pervenuta in municipio.  La Convenzione non riconosce «nuovi» diritti alle persone con disabilità ma intende piuttosto garantire che possano godere degli stessi diritti in applicazione dei principi generali di pari opportunità per ciascuno. Lo scopo è promuovere, proteggere e assicurare, appunto, il pieno e uguale godimento di tutti i diritti e di tutte le libertà, la partecipazione in maniera effettiva alle attività sociali e la rimozione di qualsiasi impedimento o barriera di varia natura.

«Per noi non è un atto formale bensì dovuto – dice l’assessore De Cicco – giacché l’amministrazione Russo ha dal principio dato priorità alle politiche di inclusione. La Convenzione sancisce il passaggio ad un approccio culturale nei confronti della disabilità che si concretizza nella formulazione di azioni politiche concrete, inclusive e rispettose dei diritti umani».

L’assessore De Cicco ha voluto annunciare l’adesione alla Convenzione ieri, giovedì 3 dicembre, in occasione della Giornata Mondiale della Disabilità e nel corso di un convegno a tema organizzato dall’associazione «Mente e Coscienza» nell’aula consiliare del municipio di Pomigliano d’Arco. Nel corso dell’evento, al quale ha preso parte il sindaco Lello Russo, si sono approfonditi vari aspetti tra cui l’interazione tra figure professionali diverse, associazionismo e cittadini, informando il territorio della realtà attuale, dei servizi, dei progressi scientifici e delle iniziative che favoriscono l’autonomia e l’integrazione delle persone con disabilità».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche