lunedì 4 Marzo 2024
HomeCultura e SpettacoliPubblico entusiasta per “Elvira” di Servillo al teatro Bellini

Pubblico entusiasta per “Elvira” di Servillo al teatro Bellini

servillo1 servillo 2

Spettatori in delirio per “Elvira”(Elvire Jouvet 40), personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura e delle istituzioni in platea.

La straordinaria regia di Toni Servillo con la sapiente traduzione di Giuseppe Montesano, la grande interpretazione del Maestro e dei suoi attori – Petra Valentini-Claudia-Elvira, Francesco Marino-Octave-Don Giovanni, Davide Cirri-Leòn-Sganarello- ha trascinato in una dimensione “altra” nel “limen” tra platea e proscenio,  il pubblico del Bellini gremito in ogni ordine di posti.

Trattasi di sette lezioni che Louis Jouvet  -regista e attore di teatro e di Cinema, al Conservatoire National d’Art Drammatique di Parigi- tenne realmente nel 1940 su un’unica scena del “Don Giovanni” di Molière: “l’addio di Elvira”

Una rappresentazione “meta-teatrale” sulla ricerca drammaturgica in cui Servillo dopo il conclamato successo parigino, non ha deluso il suo pubblico partenopeo, che lo ha ringraziato con un tripudio di applausi e reiterate chiamate.

La messa in scena delle lezioni, dal 14 febbraio al 20 settembre del 1940, dello scambio dialettico tra Jouvet  e Claudia, è il momento di gestazione drammaturgica in cui, attraverso il rapporto “maieutico” tra maestro e discente, nasce e si sviluppa l’embrione del personaggio. Nella placenta di uno spazio chiuso, di un palcoscenico quasi vuoto, minimale, gli attori in movimento si spingono “oltre” invadendo la platea, dal loro microcosmo interiore.

Vero protagonista è quindi il dialogo, strumento di ricerca tra Servillo-Jouvet e la sua discente nei panni di Elvira, mentre voci fuori campo rimandano al tragico imperversare delle truppe naziste che non consentiranno la messa in scena dell’opera.

Uno spettacolo che riflette sulla negazione della riflessione stessa, in cui Claudia e Jouvet sono spiati nel loro  laboratorio di artigianato “poieutico”.  Nella ricerca di Claudia per rendersi all’ “altezza del testo”, della straordinaria tenerezza di Elvira nel suo disperato tentativo di salvare  colui che l’ha offesa, tradita e umiliata. Non perché spinta dalla passione terrena, ma afferma lo stesso Jouvet come “una santa” per amore mistico, amore di Dio.

È soltanto  mediante una tensione viscerale, uno sforzo estremo di superamento dei propri limiti che è possibile per l’ “acteur” riesumare i personaggi e divenire “comédien”.

La tecnica raziocinante che rende l’esibizione di Claudia così puntuale non solo non è bastevole, ma la condannerebbe alla banalità. È  con  “il sentimento”, l’intuizione intellettuale che Ella potrà spogliarsi di sé e rivestirsi della passione di Elvira, farla implodere sotto la sua pelle come fuoco dirompente nel teatro.

Mediante l’ intelligenza intuitiva potrà superare la soglia-limite cerebrale, solo abbandonando il proprio “orgoglio” di attrice.  È indispensabile per l’attore l’annullamento di sé per lasciare che il personaggio lo abiti, affinché trovi il proprio spazio nel vuoto mistico.

Da qui un chiaro manifesto programmatico della poetica di Jouvet, uno dei più grandi modelli per Servillo insieme ad Eduardo, in cui il talento si sovrappone alla mera tecnica che si serve solo di arida intelligenza drammaturgica, la macchinazione fallace nella quale il pubblico raffinato sconfessa e riconosce colui che l’attore francese definì “L’imbroglione”.

Si tratta dell’antico concetto di “mimesis” che nel teatro classico rendeva secondo Platone i poeti pericolosissimi proprio per la capacità di trasferire e izzare le passioni in maniera immediata.

E il teatro è il luogo privilegiato dove esse vengono liberate e catturano corpi in movimento, personificate. Ed è proprio quella  stessa immediatezza delle passioni  che deve trasferire secondo Jouvet, un’attrice in una esibizione perfetta,  come una menade in uno stato onirico di semi-coscienza.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Rosa Auriemma
Rosa Auriemmahttps://www.facebook.com/lalingua.langue/?fref=ts
Ha conseguito la laurea triennale in Lettere e Magistrale in Filologia Moderna presso L'università degli studi di Napoli "Federico II" con il massimo dei voti, discutendo una tesi in Storia della lingua italiana su un autore napoletano secentesco. Sin da piccola ha coltivato la passione per la scrittura e il giornalismo. Appassionata di linguistica e dialettologia, per scopi di ricerca ha fondato un blog tematico "La Lingua Langue", corredato da canale youtube al fine di divulgare contenuti multimediali e multiculturali.

Articoli recenti

Rubriche