giovedì 22 Aprile 2021
HomePoliticaSan Giorgio. La Giunta promuove il riconoscimento del diritto umano alla pace...

San Giorgio. La Giunta promuove il riconoscimento del diritto umano alla pace

SAN GIORGIO A CREMANO. La Giunta Comunale, su proposta dell’assessore all’Identità Cittadina Michele Carbone, ha deliberato l’adesione della Città di San Grigio a Cremano alla campagna internazionale per il riconoscimento del diritto umano alla pace promossa dal Coordinamento nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani e da altre realtà associative di carattere nazionale. 

“Ad oltre cento anni dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale – spiega l’assessore Carbone – le Nazioni Unite hanno avviato le procedure per riconoscere la pace quale diritto fondamentale della persona e dei popoli. In questo modo si cerca di promuovere il disarmo e affrontare le drammatiche conseguenze delle guerre che, purtroppo, affliggono ancora diverse parti del pianeta”. 

“Siamo convinti – dichiara il sindaco Mimmo Giorgiano – che un grande contributo allo sviluppo della pace possa venire proprio dagli enti locali e dalle regioni italiane, che, a partire dagli anni Ottanta, primi nel mondo, hanno inserito in centinaia di statuti e leggi l’esplicito riconoscimento del diritto alla pace come diritti della persona e dei popoli.”  Il Consiglio Comunale, presieduto da Ciro Sarno, sarà chiamato ad approvare un ordine del giorno per chiedere all’Onu il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti