mercoledì 24 Aprile 2024
HomeAttualitàSant'Anastasia. Cordoglio per la morte del maresciallo Antonio Nappi

Sant’Anastasia. Cordoglio per la morte del maresciallo Antonio Nappi

SANT’ANASTASIA. Lutto nella cittadina per la perdita del maresciallo Antonio Nappi, conosciuto con il soprannome di “Pappeccia”. I funerali si sono tenuti questa mattina.

Si sono tenuti questa mattina nella chiesa di Santa Maria la Nova, i funerali del maresciallo dei vigili urbani Antonio Nappi, conosciuto nella cittadina anastasiana con il soprannome di “Pappeccia”. Stimato da tutta la comunità, per anni ha ricoperto il ruolo di comandante facente funzioni al comando di polizia municipale a Sant’Anastasia. In un manifesto il sindaco Lello Abete, l’Amministrazione e tutti i dipendenti comunali  hanno espresso le loro sentite condoglianze alla moglie Maria Rosaria De Rosa, ai figli Francesco e Giusy, al genero Ivan, alla nuora Iolanda, ai fratelli Pasquale e Luigi, alla sorella Maria. Il direttore della ProvinciaOnline Gabriella Bellini con la tutta la redazione, si stringe alla famiglia per la perdita del caro Antonio.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche