lunedì 20 Maggio 2024
HomePoliticaSant’Anastasia, Iervolino: “Non smantelliamo la Biblioteca. Le alternative ci sono”

Sant’Anastasia, Iervolino: “Non smantelliamo la Biblioteca. Le alternative ci sono”

SANT’ANASTASIA – “Accolgo con piacere l’invito al dialogo lanciato da Carmine Esposito per trovare insieme una soluzione per le associazioni che saranno costrette a lasciare la Biblioteca Comunale “G. Siani”. Sul tema alcuni giorni fa ho lanciato una proposta, sulla quale lo stesso Carmine Esposito, nel corso di una intervista, si era detto favorevole: riaprire la sede comunale di via Primicerio per trasformarla, in questa fase emergenziale, in Casa delle Associazioni. Lì in breve tempo, gli studenti, il centro diurno per ragazzi con disabilità, la Mir Odv e l’UCI troverebbero spazi idonei per proseguire la loro nobile attività associativa” sono le parole del candidato a sindaco Vincenzo Iervolino.

“Tuttavia gli avvenimenti degli ultimi giorni impongono una riflessione. Per questo, propongo agli altri tre candidati di chiedere congiuntamente un incontro al Commissario Prefettizio per trovare insieme una soluzione per le aule scolastiche. In diverse scuole cittadine ci sono più di una decina di aule chiuse per inagibilità. Si avvii subito una ricognizione per trovare gli spazi idonei per garantire il rispetto delle Linee Guida del Ministero. Nel frattempo, chiedo pubblicamente alla Commissaria Prefettizia dottoressa Stefania Rodà di fermare i lavori nella Biblioteca Comunale: la sala congressi è unico luogo per realizzare eventi ed iniziative in questa città e non può essere smantellata. Tra poche settimane la nostra città avrà un nuovo primo cittadino: è più giusto e corretto che su certi interventi, che avranno effetti a lungo termine, venga fatta una riflessione con i candidati a sindaco. Gli spazi ci sono, troviamo insieme una soluzione” conclude Iervolino.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche