giovedì 8 Dicembre 2022
HomeCronacaScoperta serra di marijuana in un sito archeologico di Bacoli. Video

Scoperta serra di marijuana in un sito archeologico di Bacoli. Video

BACOLI. Nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli
Nord, i finanzieri della Compagnia di Giugliano in Campania hanno dato
esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari emessa dal
GIP del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di due persone di anni 46 e 33,
entrambi residenti in Bacoli (NA), per produzione e spaccio illegale di sostanza
stupefacente.

Le attività investigative in questione iniziarono nello scorso mese di agosto 2018
quando, a seguito del rinvenimento di una coltivazione di marijuana nel Comune di
Giugliano in Campania, fu arrestata una persona collegata agli indagati colpiti
dall’attuale misura.
Dalle indagini, è emerso che questi ultimi hanno realizzato in Bacoli, all’interno di
un sito archeologico denominato “Grotta di Scalandrone”, una serra per la
coltivazione di marijuana. Alla piantagione, sita in posizione defilata e sottostante al
piano di campagna, dotata di tutte le più sofisticate apparecchiature, tra cui un
sistema di irrigazione, necessarie per la coltivazione intensiva delle piante di
canapa indiana e la produzione a ciclo continuo della sostanza stupefacente, si
accede tramite un cunicolo posto a lato della strada provinciale che prende proprio
il nome dell’antica galleria utilizzata in epoca romana come ramo secondario
dell’acquedotto di Serino.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti