mercoledì 5 Ottobre 2022
HomeSportSerie A, Napoli-Lecce: la diretta. Gli azzurri cercano certezze dopo il pareggio...

Serie A, Napoli-Lecce: la diretta. Gli azzurri cercano certezze dopo il pareggio di Firenze

Le formazioni ufficiali

Turno infrasettimanale di Serie A. Non c’è il pubblico delle grandi occasioni al Maradona: circa 40 mila i tifosi azzurri presenti allo stadio; 1.400 i supporters leccesi giunti nel capoluogo campano. Il Napoli scende in campo con la classica maglia azzurra e pantaloncini bianchi, il Lecce in divisa interamente rossa. Spalletti metti in pratica un ampio turnover, rivoluzionando più di mezza squadra, rispetto agli undici visti in campo a Firenze.

Il primo tempo

Il Napoli inizia subito con un ampio possesso palla, il Lecce si chiude bene in fase difensiva  e non lascia spazi ai padroni di casa. Due azioni che partono da Di Lorenzo sulla fascia destra, ma in entrambi i casi il cross al centro è calibrato male e non impensierisce la retroguardia pugliese. All’ottavo gli ospiti sembrano prendere coraggio con un incursione sulla sinistra ma niente di concreto. Ammonito al 13* Politano per una brutta entrate da tergo. Nei primi venti minuti di gara nessun episodio degno di nota: soltanto un contatto in area su Osimhen che fa arrabbiare mister Spalletti. Al minuto 21 Elmas ci prova con tiro dalla distanza ma Falcone devia in angolo. Al 22esimo calcio di rigore per il Lecce: il direttore di gata indica il dischetto. Dopo qualche secondo di attesa il sig. Mercenaro conferma la sua decisione. Sul dischetto va il n.9 Colombo che insacca, ma l’arbitro dice che bisognerà ripetere l’esecuzione perché un calciatore in maglia rossa è entrato in area di rigore prima che l’attaccante calciasse. Al secondo tentativo di Colombo, Meret si supera e toglie la palla dallo specchio della porta. Rapido capovolgimento di fronte e al 27esimo è il Napoli a portarsi in vantaggio. E’ 1-0. Matteo Politano pesca Elmas all’interno dell’area: il numero 7 azzurro non sbaglia e centra l’angolino basso battendo un incolpevole Falcone.

Passano pochi minuti e Colombo al 30esimo si rifà del rigore sbagliato con un gran tiro dalla distanza che gonfia la rete difesa da Meret. Al 41esimo Askilden ci prova ancora una volta con un destro dalla distanza, ma stavolta la palla s’innalza troppo, così come un minuto dopo su tiro di Banda. Concessi 3 minuti di recupero. La prima frazione di gioco termina sul risultato di 1-1: reti di Elmas (27esimo) e Colombo (31esimo).

Secondo tempo

Doppia sostituzione nelle fila del Napoli: entra Zielinski al posto di uno spento Raspadori, Lobotka prende il posto di Ndombele. Il Lecce sostituisce Gonzalez con Helgason.

Occasionissima Napoli al 4′ con protagonista ancora una volta Elmas: Falcone para sul primo palo, deviando in corner. Al 7° ancora un contatto dubbio in area ai danni di Osimhen che si lamenta non poco con il direttore di gara. Ancora cambio nel Napoli: esce Elmas ed entra Kvaratskhelia. Al 64° ci prova Zielinsnki con la specialità della casa: un tiro dalla lunga distanza che finisce di pochissimo alto sopra la traversa. Sostituzione Lecce al 70esimo: esce l’autore del goal Colombo per Ceesay. Al 26° Politano fa tutto da solo sulla destra con un tiro a giro che finisce di poco fuori. Il numero 21 azzurro dopo un minuto lascia il posto a Lozano. Sostituzione Lecce: entra Esposito per Manna al 30°. Vicinissimo al goal ancora una volta il Napoli con il subentrato Lozano: gli azzurri davvero sfortunatissimi stasera. Lozano ancora lui al 35esimo ma Falcone ci mette una pezza e nega la gioia del goal ai padroni di casa. Al 38esimo ci prova con un tiro dalla distanza Hulmand ma non impenzierisce Meret. Al 40esimo per il Napoli entra Simeone in sostituzione di Anguissa. Il Napoli vuole vincerla e chiude il Lecce nella propria metà campo. Il direttore di gara concede ben sei minuti di recupero. Sul finale Osimhen solo davanti alla porta di testa manda alta la sfera. Reti inviolate nel secondo tempo. Partita piuttosto monotona. Spalletti paga il troppo turnover e registra il secondo pareggio stagionale consecutivo, dopo un solo punto conquistato dalla trasferta di Firenze.

NAPOLI: Meret, Di Lorenzo, Ostigard, Minjae, Olivera, Anguissa (85′ Simeone), Ndombele (46′ Lobotka), Politano (72′ Lozano), Raspadori (46′ Zielinski), Elmas (56′ Kvaratskhelia), Osimhen. All. Spalletti.

LECCE: Falcone; Gendrey, Pezzella, Baschirotto, Tuia, Helgason (46′ Gonzalez), Hjulmand, Askildsen (62′ Blin), Banda (75′ Listkowski), Di Francesco (62′ Strefezza), Colombo (70′ Ceesay). All. Baroni.

Arbitro: Marcenaro di Genova
Marcatori: 27′ Elmas, 31′ Colombo
Note: ammoniti Politano, Hjulmand, Colombo, Gonzalez, Gendrey

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Saverio Falco
Saverio Falco
Giovane studente, intraprendente, ricco di fantasia, creativo e gioioso. E' veramente un piacere avere tra noi autori, scrittori, giornalisti, filosofi, ma soprattutto ragazzi come quello odierno: un'anima che ama la cultura in tutte le sue sfaccettature, che trasmette un pensiero legato all'amore puro, dai sentimenti profondi. Nel 2012 fa il suo battesimo con la carta stampata, rivelando all'attenzione di noialtri lo spirito polivalente dell'esistenza. (A cura del poeta GIANNI IANUALE)

Articoli recenti